18:20 29 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
301
Seguici su

Economisti e responsabili politici hanno espresso preoccupazione per il dilemma del debito "insostenibile" già prima che la pandemia di coronavirus causasse il caos su scala globale, dipingendo uno scenario precario per il futuro del rapporto tra debito universale e prodotto interno lordo.

Si prevede che il debito globale raggiungerà i massimi record entro la fine dell'anno, raggiungendo i 277.000 miliardi di dollari, afferma un rapporto dell'Istituto di finanza internazionale (IIF) pubblicato il 18 novembre.

​Dopo le misure a livello nazionale implementate per attutire gli effetti devastanti della crisi del coronavirus, i livelli del debito globale sono aumentati di $ 15.000 miliardi per attestarsi a oltre $ 277.000 miliardi nel terzo trimestre del 2020, portando l'IIF ad avvertire di un imminente "tsunami del debito".

Il dilemma sul debito

Poiché la crisi sanitaria non mostra alcun segno di allentamento della sua presa universale e le economie sono costrette a confrontarsi con le ricadute, l'istituto prevede un rapporto debito / PIL del 365 per cento nei prossimi mesi.

I mercati dei paesi sviluppati sono responsabili di quasi la metà dell'aumento del debito a causa dell'incremento della spesa pubblica guidata dalla pandemia di coronavirus.

Il terzo trimestre del 2020 ha visto il debito complessivo dei mercati sviluppati passare da circa il 380% al al 432% del PIL rispetto alla fine del 2019.

Il rapporto debito / PIL nei mercati emergenti ha raggiunto quasi il 250% nel terzo trimestre, con la Cina che ha raggiunto il 335%.

L'associazione globale del settore finanziario, con quasi 450 membri provenienti da 70 paesi, ha previsto che il debito totale degli Stati Uniti avrebbe raggiunto gli 80 trilioni di dollari nel 2020, rispetto ai 71 trilioni di dollari registrati nel 2019.

Il rapporto afferma che il debito è aumentato di $ 1,5 trilioni a $ 53 trilioni fino a settembre nell'area dell'euro, mentre tra le economie in via di sviluppo, i maggiori aumenti dei rapporti di debito del settore non finanziario sono stati registrati finora in Libano, Cina, Malesia e Turchia.

Il pagamento del debito sovrano è stato definito "molto più oneroso" a causa del calo dei ricavi dei governi dei mercati emergenti, indipendentemente dai bassi costi d'indebitamento a livello mondiale.

Circa 7 trilioni di dollari in obbligazioni dei mercati emergenti e prestiti sindacati arriveranno verso la fine del 2020, con circa il 15% denominato in dollari USA, afferma il rapporto IIF.

Una ripresa "parziale e irregolare" nel 2021

La previsione dell'Istituto di Finanza Internazionale arriva dopo che i funzionari del Gruppo delle 20 nazioni più industrializzate hanno concordato a metà ottobre di estendere il congelamento della Debt Service Suspension Initiative (DSSI) sui pagamenti del debito bilaterale ufficiale per i paesi più vulnerabili del mondo di altri sei mesi, fino a quando Giugno 2021, in mezzo a una forte contrazione economica causata dalla pandemia.

​Mentre i paesi di tutto il mondo assistono a un'ondata d'infezioni da coronavirus, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha avvertito che la ripresa economica globale potrebbe perdere slancio.

L'amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva ha sollecitato un maggiore aiuto economico per i paesi, aggiungendo in un post sul blog che "il percorso economico da percorrere rimane difficile e soggetto a battute d'arresto".

Secondo una precedente previsione del FMI, l'economia mondiale si ridurrà del 4,4% quest'anno nel peggior crollo annuale dagli anni '30. Sebbene il 2021 possa portare una crescita del 5,2%, la ripresa è stata suggerita come "parziale e irregolare".

Correlati:

London Stock Exchange vende Borsa Italiana
Autorità Usa collaboreranno con una delle più grandi borse di criptovaluta
Borsa di Tokyo chiude in rosso, Europa apre male la seduta sui casi di Covid-19 negli USA
Tags:
Coronavirus, Borsa&Mercati, Debito
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook