22:04 03 Dicembre 2020
Economia
URL abbreviato
1019
Seguici su

Non saranno ripagate le speranze dei politici tedeschi per un ammorbidimento della retorica statunitense sul gasdotto Nord Stream-2 con l'arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, afferma il giornalista del tabloid Bild Julian Röpcke.

Ha esortato a prepararsi al fatto che col nuovo anno Washington continuerà a stringere la presa sulla questione.

Röpcke si è lasciato andare a questa previsione così nefasta per il progetto energetico per le intenzioni degli Stati Uniti di imporre sanzioni contro le compagnie di assicurazione e di certificazione che lavorano con le imprese e le navi russe. Come nota l'autore dell'articolo, finora non ci sono restrizioni contro le autorità tedesche sul tavolo, ma Biden "può affossare" il Nord Stream-2 ormai quasi finito.

A sua volta Benjamin Schmitt, l'ex consigliere dell'ex presidente Barack Obama, sostiene che sia i democratici che i repubblicani sono allo stesso modo orientati negativamente sul gasdotto russo-tedesco.

E' dello stesso parere anche Anders Fogh Rasmussen, ex segretario generale della Nato ed ex premier danese. Ha espresso rammarico per il fatto che le future sanzioni potrebbero impattare la società di certificazione Det Norske Veritas. Tuttavia, secondo lui, la maggior parte dei danesi "sarebbe felice se la vicenda del Nord Stream-2 finisse" nelle acque del Paese.

Secondo l'esperto di sicurezza energetica Alan Riley, le nuove sanzioni costringeranno Gazprom a cercare a lungo compagnie di certificazione e assicurazioni, rallentando il progetto. Ma l'obiettivo principale di Biden, assicura l'esperto, è porre fine al progetto e per questo è pronto ad elaborare una strategia che la stessa Germania sosterrà. Secondo Riley, l'ex vicepresidente americano offrirà a Berlino un "ampio pacchetto di sicurezza" volto a sostituire il gas russo con risorse rinnovabili.

Nord Stream-2

Nord Stream-2 è una joint venture da 10,5 miliardi di dollari tra la russa Gazprom, la tedesca Uniper e Wintershall, la austriaca OMV, la francese Engie e il conglomerato energetico britannico / olandese Royal Dutch Shell.

Il gasdotto di 1.230 km, la cui costruzione è stata quasi completata alla fine dello scorso anno prima che gli Stati Uniti introducessero sanzioni contro un appaltatore chiave, prevede di raddoppiare l'attuale capacità di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno della rete Nord Stream. L'infrastruttura energetica collega direttamente le coste russe con quelle tedesche attraverso il Mar Baltico.

Tags:
Joe Biden, Sanzioni, Germania, USA, Russia, Gas russo, gasdotto, Nord Stream 2
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook