03:49 28 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
4114
Seguici su

Flat tax al 7% per 15 anni per gli stranieri con una pensione del settore privato, disposti a trasferire la propria residenza fiscale per almeno sei mesi l'anno.

La Grecia è entrata nel novero dei Paesi che offrono una tassazione agevolata per i percettori di pensioni private disposti a trasferire la propria residenza fiscale. Atene sottopone i redditi dei pensionati stranieri ad un regime agevolato della durata di 15 anni che prevede l'imposizione di una flat tax al 7%.

Il nuovo regime è stato approvato con la legge 4714/2020, pubblicata il 31 Luglio in Gazzetta Ufficiale ellenica.

Per beneficiare delle agevolazioni fiscali per stranieri è sufficiente: 

  • trasferire la propria residenza fiscale in Grecia e trascorrere nel Paese almeno 183 giorni dell'anno solare; 
  • essere titolari di una pensione derivante da lavoro nel settore privato. 

I dipendenti pubblici, infatti, sono tassabili solo nel Paese di provenienza e quindi, secondo l'articolo 19 della Convenzione  contro la doppia imposizione tra Italia e Grecia, non possono usufruire delle agevolazioni previste dal fisco greco.

In questo caso l'unica soluzione consiste nella richiesta e nell'ottenimento della cittadinanza greca. 

Si estende così un modello fiscale inaugurato dal Portogallo, successivamente adottato da Bulgaria, Cipro, Malta, Canarie e altre regioni che mirano ad attrarre pensionati interessati alla defiscalizzazione, per incentivare la crescita economica.

"L’esempio del Portogallo con il suo RNH, lanciato nel lontano 2009, ha sicuramente fatto scuola in questo senso e la Grecia con il suo 7%, più vantaggioso dello stesso Portogallo, pare candidarsi come la nuova destinazione preferita dei prossimi anni. Interessante notare inoltre come lo span temporale approvato in via definitiva sia di 5 anni più lungo rispetto allo standard dei 10 anni a cui ci aveva abituato il Portogallo, peraltro rinnovato di altri 10 anni proprio a Marzo 2020", spiega a Sputnik Italia Valentino Coletto, CEO dell'agenzia Reframed.

Aree di maggiore interesse

"Le zone che riteniamo più interessanti nei prossimi anni - prosegue Coletto - sono sicuramente la città di Atenee l’Attica (riviera e isole comprese), le isole Ionie (Corfù su tutte), l’isola di Creta e le isole del Mare Egeo come Paros, Naxos, Mykonos e Santorini ed infine Salonicco nel Nord della Grecia. In particolare vediamo un grande potenziale in Ermioni - Porto Cheli, ritenuta la Costa Azzurra della Grecia, a 2 ore di macchina da Atene, accessibile via autostrada, spiagge splendide, ben servita e vicina all’ospedale di Nafplio" - aggiunge Coletto.

La Grecia, oltre a al piano di defiscalizzazione, dal 2013 offre anche agevolazioni Golden Visa per i cittadini extra-europei che investono su immobili dal valore di almeno 250.000 euro. Un programma a cui hanno aderito per lo più investitori cinesi e che ha permesso di raccogliere circa 2,6 miliardi di euro con un picco di richieste nel 2019. 

La defiscalizzazione negli altri Paesi

Tra i Paesi che hanno adottato agevolazioni fiscali si è scatenata una vera e propria competizione che non può che risultare vantaggiosa per chi valuta questa opzione. Alcuni, come la Bulgaria prevedono un'imposizione fiscale pari a 0, mentre il Portogallo ha da poco rimodulato le aliquote raggiungendo un 10% per dieci anni, rinnovato di altri dieci nel Marzo 2020. 

 

Tags:
pensioni, fisco, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook