10:02 25 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
0 22
Seguici su

Il gruppo lattiero-caseario Ambrosi ha raggiunto un accordo con Deutsche Bank per un prestito da 27,5 milioni di euro, ma le condizioni dell'accordo includono 125 mila forme di formaggio come garanzia del prestito.

L'Istituto di credito tedesco ha raggiunto un accordo con il gruppo lattiero-caseario Ambrosi, il quale riceverà un prestito di 27,5 milioni di euro a condizione di offrire 125mila forme di formaggio tra Parmigiano e Grana Padano come garanzia, riferisce la notizia il quotidiano “Handelsblatt”.

Con il finanziamento Ambrosi intende costruire un nuovo impianto di stagionatura per il Parmigiano e il Grana Padano. Poiché Deutsche Bank è la più grande banca estera in Italia, "abbiamo stretti rapporti con molte società di esportazione di medie dimensioni nel paese. Soprattutto durante l'attuale crisi del coronavirus, vogliamo aiutare i nostri clienti a proteggere ed espandere la loro attività", fanno sapere dall'istituto di credito.

​Secondo Deutsche Bank, il finanziamento deve aiutare il cliente e non deve gravare ulteriormente sulle sue condizioni. Per tale motivo la banca afferma di aver accettato il parmigiano come garanzia. Secondo le stime di Deutsche Bank, una forma di Parmigiano ha un valore compreso tra i 550 ai 740 euro.

Per la banca tedesca è stata una novità quella di utilizzare il Parmigiano come garanzia, ma non si tratta del primo caso. Credito Emiliano (Credem) adotta un sistema simile dal 1953. In particolare, Credem si occupa anche dello stoccaggio e del controllo del processo di stagionatura per i produttori di Parmigiano che ha tra i propri clienti. Le forme di formaggio, che fungono da garanzia per il prestito, maturano in due magazzini della banca, monitorati da specialisti.

Negli scorsi giorni il gruppo tedesco Deutsche Bank ha comunicato la decisione di chiudere il 20% delle filiali, azione che consentirà a Deutsche Bank di risparmiare sui costi di gestione e capitalizzare le nuove abitudini dei clienti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook