11:05 20 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
0 04
Seguici su

Entro la fine del 2021 la Commissione europea potrebbe fare una proposta di abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro. Questo è quanto è emerso da una consultazione avvenuta oggi a Bruxelles, durante la quale è etato espresso l'interesse di capire l'utilità ora dei cosiddetti "ramini".

Si è aperta oggi una nuova consultazione a Bruxelles con la quale l’esecutivo europeo intende comprendere, con un'ampia gamma di parti interessate la vera utilità delle monete di piccolo taglio, note in Italia anche come "ramini", procedendo eventualmente con una proposta di abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi entro la fine del 2021.

Il periodo di riflessione e confronto tra Bruxelles e chi vorrà partecipare durerà 15 settimane e si svolgerà nell’agorà digitale del sito della Commissione dove risultano già una quarantina di pareri arrivati nelle prime ore dall'apertura ai contributi.

La valutazione riguarda la legislazione dell’Ue che impone alla Commissione di esaminare periodicamente l'uso di diverse denominazioni di monete in euro rispetto ai criteri di costo e accettabilità da parte del pubblico.

In seguito a tale valutazione l'esecutivo dell'Ue deciderà entro la fine del 2021 se adottare o meno una proposta legislativa sulle regole di arrotondamento uniformi per i pagamenti in contanti nella zona euro, ritirando dalla circolazione le monete da 1 e 2 centesimi.

Nella giornata di ieri Bruxelles ha varato un nuovo piano per migliorare nei prossimi 4 anni l'efficienza delle dogane interne all'Unione europea. Le misure annunciate rafforzeranno l’unione doganale come fondamento del mercato unico e ne confermeranno l’importante ruolo nel proteggere le entrate dell’Ue e la sicurezza, la salute e la prosperità dei cittadini e delle imprese.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook