11:41 30 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
320
Seguici su

Il lavoro nero rischia di essere una costante del dopo pandemia. Secondo la Cgia di Mestre bisogna attendersi un vero boom di autonomi abusivi e di lavoratori in nero.

“Oltre 3,3 milioni di lavoratori irregolari, costituiti prevalentemente da lavoratori dipendenti che per una parte della giornata fanno il secondo/terzo lavoro, da cassaintegrati o pensionati che arrotondano le magre entrate o da disoccupati”, questo il numero di persone che in Italia svolgono attività lavorativa completamente sconosciuta al fisco.

Ma secondo la Cgia di Mestre, che ha appena pubblicato uno studio sul rischio che il covid-19 possa far esplodere il lavoro nero, questo numero è destinato a salire drammaticamente nei prossimi mesi.

La Cgia prende come riferimento l’ultima crisi, quella finanziaria del 2009 che comportò all’Italia una caduta del PIL del -5,5%. La conseguenza fu un aumento della disoccupazione nei due anni successivi dal 6%, al 12%.

Per il 2020 la caduta del PIL italiano è prevista del -10% circa, ovvero il doppio del 2009 e dal momento in cui la cassa integrazione verrà interrotta e non vi sarà più il blocco ai licenziamenti, “il tasso di disoccupazione assumerà dimensioni molto preoccupanti”, scrive la Cgia.

Secondo le previsioni dell’Istat, come riportato dalla Cgia, si prevedono circa 3,6 milioni di nuovi disoccupati in Italia che si sommerebbero ai 3,3 milioni di senza lavoro.

Una situazione drammatica che farebbe aumentare gli autonomi e i lavoratori in proprio abusivi, una situazione di drammaticità sociale che spingerebbe molte imprese ad assumere i lavoratori in nero non garantendo loro salari adeguati alla mansione e senza tutele.

Quali i rischi?

Per l’economia legale e che paga le tasse fino all’ultimo centesimo, il lavoro nero significherebbe una alterazione dei prezzi di mercato e di conseguenza concorrenza sleale.

Un lavoratore autonomo abusivo non dovendo pagare tasse e tributi, si troverebbe nella condizione ideale di praticare prezzi stracciati che una attività in regola non potrebbe mai applicare.

“Stiamo parlando di quelle persone che non riuscendo a trovare una nuova occupazione accetteranno un posto di lavoro irregolare o si improvviseranno come abusivi. Grazie a questa scelta riusciranno a percepire qualche centinaia di euro alla settimana; pagati poco e in contanti, tutto ciò avverrà in nero e senza alcun versamento di imposte, contributi previdenziali e assicurativi.”

Ed oltre all’alterazione della concorrenza, si porrà anche una questione di salute dei lavoratori. In particolare i lavoratori a nero dipendenti di impresa, rischiano di più perché non gli vengono riconosciute le “più elementari tutele previste dalla legge in materia di sicurezza nei luoghi in cui operano”. Di conseguenza il rischio di incidenti e di malattie professionali si eleva a livelli allarmanti.

Quanto vale il lavoro sommerso

Secondo la stima della Cgia di Mestre il lavoro nero vale 78,7 miliardi di euro non dichiarati che prevalentemente transitano di mano in mano attraverso l’uso del denaro contante.

La situazione più critica nel Mezzogiorno dove si concentrano il 34% delle risorse non dichiarate, ovvero 26,8 miliardi di euro.

Meno marcata la situazione nel Nordest che rappresenta 14,8 miliardi di euro di lavoro nero.

Le percentuali di lavoro nero più basse si riscontrano nella Provincia autonoma Bolzano, in Valle d’Aosta e in Veneto.

Correlati:

Istat: a maggio disoccupazione sale al 7,8% e 500.000 occupati in meno da febbraio
Producevano marijuana sul balcone e poi spacciavano, coppia di disoccupati arrestata a Rapallo
Milano, disoccupato finge di innamorarsi di una ricca signora e le prosciuga il patrimonio
Tags:
disoccupazione, Lavoro, Economia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook