03:30 03 Dicembre 2020
Economia
URL abbreviato
2 0 0
Seguici su

La Banca d'Italia ha presentato due scenari di utilizzo dei fondi che proverranno dal Recovery Fund. Nella migliore delle ipotesi l'Italia riuscirà a ottenere un aumento del PIL cumulato del +3% entro il 2025.

A proposito dei fondi messi a disposizione del Recovery fund per l’Italia nel prossimo quinquennio 2021 – 2025, la Banca d’Italia ha ipotizzato più scenari possibili.

Nel primo scenario, se si utilizzassero tutte le risorse messe a disposizione per “attuare interventi aggiuntivi rispetto a quelli già programmati e che questi riguardino integralmente progetti di investimento”, si prevede un “ aumento cumulato del livello del PIL di circa 3 punti percentuali entro il 2025”.

Aumento cumulato significa che sul totale degli anni dal 2021 al 2025 il nostro Paese crescerebbe del 3%. Non un balzo esaltante il 3% in 5 anni se si considerano altri Paesi.

Anche l’aumento del numero di occupati è dato solo di circa 600mila unità.

Nono solo, Banca d’Italia ci tiene a precisare che per ottenere questo risultato, il più roseo da loro previsto, si “presuppone uno sforzo notevole in termini di progettazione e di capacità di esecuzione degli investimenti: si tratterebbe di raddoppiare la spesa effettuata nel 2019”.

Un secondo scenario, in cui il 30% delle risorse del Recovery fund verrebbero usate per coprire spese già programmate, allora il PIL cumulato al 2025 non salirebbe oltre il 2% di PIL.

Questa è la relazione in 17 pagine che il Capo del servizio struttura economia della Banca d’Italia Fabrizio Balassone ha presentato in audizione alla Commissione V della Camera dei deputati Bilancio, tesoro e programmazione, sull’utilizzo del Recovery Fund.

L’Italia si trova di fronte a una realtà economica che deve fare i conti con gli oltre 30 anni di immobilismo e ritardi accumulati, come ha ricordato venerdì 4 settembre il presidente della Banca d’Italia Visco. Decenni di ritardi che non possono che pesare in questa fase di indispensabile e non più rinviabile rilancio.

Correlati:

Gentiloni su Recovery Fund: La sfida è senza precedenti, opportunità da cogliere
Banca d’Italia: debito italiano sempre più su, mentre entrate tributarie calano
Banca d’Italia, crescono le richieste di prestito da parte delle imprese ma giù mutui
Tags:
Banca d`Italia, Economia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook