02:36 28 Settembre 2020
Economia
URL abbreviato
2 0 0
Seguici su

Gli Stati Uniti e l'Unione Europea sono stati coinvolti in un'ondata di conflitti commerciali, che vanno dalle barriere al commercio agricolo ai sussidi alle compagnie aeree fino ai piani di Bruxelles di tassare le grandi società digitali americane.

Dopo che le relazioni tra gli Stati Uniti e l'Unione europea sono state guastate da persistenti controversie commerciali negli ultimi anni, sembra che un mini accordo annunciato venerdì offra una tregua allo stallo transatlantico, ha riferito la CNBC.

La Commissione europea ha infatti accettato di abolire le tariffe sulle aragoste congelate e vive dagli Stati Uniti per i prossimi cinque anni, in un accordo che deve ancora essere approvato da altre istituzioni europee.

​"L'Unione Europea ha deciso di eliminare le sue tariffe sulle importazioni di aragoste vive e congelate dagli Stati Uniti", riporta appunto il tweet.

In cambio, gli Stati Uniti ridurranno i dazi del 50% su una vasta gamma di merci dell'UE, inclusi bicchieri di cristallo e pasti pronti.

In seguito l'accordo potrebbe assumere un carattere più permanente.

"Intendiamo che questo pacchetto di riduzioni tariffarie sia solo l'inizio di un processo che porterà a ulteriori accordi che daranno vita a un commercio transatlantico più libero, equo e reciproco", hanno affermato i due principali negoziatori, il rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Robert Lighthizer e il commissario europeo Phil Hogan, in una dichiarazione congiunta.

L'accordo riportato è rivoluzionario in quanto è la prima volta in più di 20 anni che le due parti hanno deciso di tagliare le tariffe.

"La Commissione e gli Stati Uniti vedono questo accordo come una buona base e il primo passo per migliorare ulteriormente le relazioni commerciali UE-USA", ha affermato un portavoce della Commissione europea.

Il portavoce ha fatto capire che, in potenziali ulteriori colloqui, l'accordo raggiunto venerdì potrebbe anche aprire la strada a quello sui sussidi per le compagnie produttrici di aeromobili.

"Il pacchetto si basa sull'impegno di entrambe le parti a trovare una soluzione negoziata per la disputa di lunga data sugli aerei", ha detto il portavoce.

Attrito commerciale persistente

Il settore del commercio è in difficoltà da quando il presidente Donald Trump è stato eletto nel 2016 e successivamente ha preso di mira il blocco dell'UE per pratiche commerciali sleali percepite, minacciando di imporre dazi alle case automobilistiche europee.

La guerra dei dazi tra Stati Uniti e Unione Europea è scoppiata nel marzo 2018, quando Trump ha imposto dazi del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio dalla maggior parte dei paesi, estendendoli all'Unione Europea, al Canada e al Messico nel giugno di quell'anno. L'Europa ha risposto con contro-tariffe su una serie di merci statunitensi.

Le due parti sono rimaste bloccate in una battaglia commerciale di 16 anni sugli aiuti di Stato per Airbus e la rivale statunitense Boeing, dopo che gli USA si sono lamentati nel 2004 del fatto che Regno Unito, Germania, Francia e Spagna stavano elargendo enormi sussidi ad Airbus.
Entrambi hanno contestato l'un l'altro i sussidi ad Airbus e Boeing.

Nel 2011, l'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) ha stabilito che Airbus aveva ricevuto 18 miliardi di dollari in sussidi europei tra il 1968 e il 2006.

La stessa OMC ha concesso nel 2019 agli Stati Uniti il permesso di applicare 7,5 miliardi di dollari di tariffe sui prodotti industriali e agricoli di quei paesi, inclusi formaggi, vini, whisky e altri beni.

Mentre Washington ha già applicato in fretta i dazi sui prodotti europei, l'UE sta anticipando una decisione del WTO, prevista per la fine dell'estate, relativa alle possibilità di ritorsione, riporta la pubblicazione.

Sebbene il recente annuncio sul mini-accordo raggiunto consenta alle due parti di andare avanti nel tentativo di superare l'impasse sui sussidi per gli aeromobili, gli esperti suggeriscono che le speranze per un accordo commerciale più ampio in realtà siano piuttosto limitate.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook