19:06 29 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Il capo del ministero dell'Energia dell'Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha invitato i paesi OPEC+ a "non rilassarsi". Secondo il ministro, l'alleanza affronterà il compito di stabilizzare il mercato mondiale del petrolio fino alla fine di aprile 2022, e forse più a lungo.

"Abbiamo effettivamente dei motivi per essere soddisfatti dei nostri risultati. Però c’è ancora lavoro che deve essere fatto. Ed io invito tutti voi a non rilassarvi, a non allentare gli sforzi degli ultimi tre mesi, perché questo compito sarà con noi fino all'aprile 2022, e forse più a lungo", ha detto il funzionario saudita, intervenendo ad una riunione in videoconferenza del comitato di monitoraggio dell'OPEC+.

Abdulaziz bin Salman ha osservato che i dati fondamentali del mercato petrolifero sono migliorati in modo significativo negli ultimi tre mesi, e ci sono segnali di una ripresa della domanda sull'energia con la ripresa di economie di tanti paesi al mondo.

"Stando alle previsioni di varie organizzazioni e istituzioni esperte, tra cui OPEC, Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA), US Energy Information Administration (EIA), nel quarto trimestre del 2020, la domanda globale per il petrolio raggiungerà il 97% dei livelli pre-pandemia, il che può essere considerato un'enorme ripresa in rispetto al crollo di aprile", ha aggiunto.
Il crollo dei prezzi del petrolio e i tagli dell'OPEC+

I prezzi del petrolio sono diminuiti drasticamente all'inizio dell'anno a causa dell'incapacità dei paesi OPEC+ di raggiungere un accordo sulla riduzione della produzione di petrolio e delle misure di restrizione attuate dai paesi nel tentativo di frenare la pandemia di coronavirus. Tuttavia, i membri del gruppo sono riusciti a raggiungere un accordo a metà aprile che mira a stabilizzare il mercato petrolifero.

In particolare l'OPEC+ ha concordato il 12 aprile di ridurre la produzione di petrolio di 9,7 milioni di barili al giorno da maggio a giugno, 7,7 milioni nella seconda metà dell'anno e 5,8 milioni ulteriormente fino alla fine di aprile 2022.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook