14:05 27 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
131
Seguici su

Per l'Istituto di statistica britannico si tratta del più grande crollo su base trimestrale della storia del Paese.

L'economia britannica ha fatto un registrare un passivo record nel secondo trimestre, con un -20,4% che non ha precedenti nel recente passato del Paese.

A riferirlo è l'Ufficio di statistica nazionale (Office for National Statistics), l'equivalente dell'Istat, in un comunicato.

"La recessione portata dalla pandemia di coronavirus ha portato al più grande calo del Pil sul singolo trimestre", ha riferito Jonathan Athow.

Ci sono anche però dei minimi segnali di ripresa, come ha riferito lo stesso rappresentante dell'ONS, con l'economia che ha ricominciato parzialmente a correre nel mese di giugno.

Per l'Istituto nazionale di economia e ricerca sociale (NIESR), il tasso di disoccupazione in Gran Bretagna è destinato a raddoppiare entro la fine dell'anno, con il numero dei senza lavoro che salirà dagli attuali 1,3 milioni fino a 3 milioni, mentre le previsioni parlano di un livello pre-pandemia che potrà essere difficilmente raggiunto prima del 2023.

Le misure del governo britannico

Il governo di Londra nei mesi scorsi ha approvato un pacchetto di aiuti da 12,3 miliardi di sterline (pari a circa 15 miliardi di euro) per il supporto alla piccola e media impresa.

Nel Regno Unito oggi continua la discussione su una possibile rimozione delle restrizioni anti-Covid, sebbene il governo si sia mostrato scettico in questo senso a causa dei nuovi focolai rilevati in diverse zone del Paese.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook