04:23 29 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
123
Seguici su

Tutte le misure contenute nel decreto legge di agosto a favore di famiglie, lavoratori e imprese, per il sostegno e il rilancio dell'economia italiana.

Approvato ieri sera il decreto legge Agosto con cui il governo italiano finanzia con ulteriori 25 miliardi di euro misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia nazionale.

In totale sono 100 i miliardi messi in campo per fare fronte all’emergenza economico-sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19, che equivalgono al 6% del PIL nazionale.

Il nuovo decreto legge prolunga alcune misure adottate sin dall’inizio dell’emergenza e ne introduce o perfeziona altre. Vediamo nel dettaglio tutto ciò che il dl agosto contiene e quali i benefici a favore degli italiani e delle italiane.

A chi si rivolge il dl agosto?

Il decreto legge di agosto si rivolge ai lavoratori, alle famiglie e alle imprese, con uno sguardo particolare alle “aree svantaggiate del Paese”.

Misure a favore del lavoro

Il decreto introduce uno sgravio del 30% sui contributi pensionistici per le aziende situate nelle aree svantaggiate dell’Italia, quindi una particolare attenzione al Sud Italia e alle Isole. L’obiettivo è stimolare la crescita e l’occupazione, ma anche evitare la chiusura delle imprese.

Lo sgravio resterà in vigore da ottobre a dicembre 2020, ma si prevede di estendere lo sgravio “sul lungo periodo con prossimi interventi”.

La cassa integrazione ordinaria, l’assegno ordinario e la cassa integrazione in deroga sono state prolungate fino a un massimo di 18 settimane complessive.

Se una azienda non richiederà la Cig, è previsto un premio sotto forma di esonero dal versamento dei contributi previdenziali “per un massimo di 4 mesi,” e non oltre il 31 dicembre 2020.

Le aziende che assumono lavoratori subordinati a tempo indeterminato, “in aumento dell’occupazione netta”, non dovranno versare i contriuti previdenziali per un massimo di 6 mesi dall’assunzione.

Sul lato dei licenziamenti, il decreto legge agosto prevede che “i datori di lavoro che non hanno integralmente fruito della cassa integrazione o dell’esonero dai contributi previdenziali resta precluso l’avvio delle procedure di licenziamento individuali e restano sospese quelle avviate dopo il 23 febbraio 2020.”

Anche i licenziamenti collettivi sono sospesi, ma nel caso in cui l’attività d’impresa cessi in maniera definitiva la norma non si applica.

Per quanto riguarda i contratti di lavoro subordinati a tempo determinato, essi possono essere rinnovati e prorogati per un massimo di 12 mesi anche in assenza di causale.

Indennità e reddito di emergenza

Per il reddito di emergenza sono previsti ulteriori 400 euro destinati alle famiglie più bisognose.

Prorogati per ulteriori due mesi la Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi) e l’indennità di disoccupazione mensile “DIS-COLL” per i collaboratori coordinati e continuativi, per i quali il periodo di fruizione è previsto terminare nel periodo compreso tra l’1 maggio 2020 e il 30 giugno 2020.

Il decreto di agosto introduce anche nuove indennità per alcune categorie fino a ora escluse dagli interventi economici. In particolare viene introdotta una indennità da 1.000 euro per gli stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo che hanno perso il lavoro a causa dell’emergenza sanitaria in atto.

L’indennità di 1.000 euro è prevista anche per gli iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo in possesso di determinati requisiti, dipendenti stagionali appartenenti al altri settori, gli intermittenti e gli incaricati di vendite a domicilio.

Una indennità di 600 euro è prevista anche per i lavoratori marittimi e gli stagionali sportivi.

Sostegno alle imprese

Per le imprese viene previsto un finanziamento per gli esercizi di ristorazione che abbiano subito una perdita tra marzo e giugno 2020 di almeno il 25% del fatturato rispetto a identico periodo del 2019.

I ristoranti potranno richiedere un contributo a fondo perduto per acquistare prodotti da filiere agricole, alimentari e vitivinicole prodotte da materia Made in Italy esclusivamente. Il contributo minimo riconosciuto a fondo perduto è di 2.500 euro.

400 milioni di euro a fondo perduto sono destinati agli esercenti dei centri storici che abbiano registrato a giugno un calo di fatturato del 50% rispetto allo stesso periodo del 2019. In questo caso il contributo minimo a fondo perduto è di 1.000 euro per le persone fisiche e di 2.000 euro per i soggetti diversi.

Rifinanziati alcuni strumenti di supporto alle imprese, tra cui ulteriori 64 milioni per la “nuova Sabatini”, 500 milioni per i contratti di sviluppo, 200 milioni per il Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la prosecuzione dell’attività d’impresa.

Ulteriori 950 milioni vanno per il Fondo Ipcei per il sostegno alle imprese che partecipano alla realizzazione di importanti progetti di interesse europeo.

Correlati:

Dl Agosto, nuova bozza con 400 euro per reddito emergenza e 200mln ai Comuni
400 euro Reddito di Emergenza nel dl Agosto: ecco come ottenerli
Dl agosto approvato dal Governo, Conte: stanziati 100 miliardi dall'inizio dell'emergenza
Tags:
Economia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook