22:54 24 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
110
Seguici su

Il vino italiano al primo posto in termini di volumi di vendita negli USA, dati positivi nonostante la pandemia ma i dazi USA potrebbero stravolgere lo scenario positivo.

La vendita di vino italiano negli USA ha retto nonostante tutto, nel primo semestre del 2020 l’Osservatorio del vino dell’Unione italiana vini (Uiv) ha registrato un +2,95% in termini di volume e un +1,8% in termini di valore rispetto allo stesso periodo del 2019.

In totale l’Italia ha venduto negli USA 980 milioni di dollari di vini, un risultato sorprendente se si tiene conto della pandemia in corso, che ha fortemente danneggiato anche il settore horeca statunitense.

L’Italia è prima davanti la Francia, ma lo spauracchio dei dazi sui prodotti agroalimentari europei incombe e il vino italiano potrebbe essere incluso nella lista dei prodotti di importazione da sanzionare con dazi aggiuntivi.

Si tratterebbe di una “mazzata” aggiuntiva a un settore fortemente colpito in patria dalla chiusura di ristoranti e alberghi durante il lockdown. Ed anche con la riapertura delle attività i consumi interni non sono tornati quelli precedenti la pandemia, a causa di molteplici fattori tra loro concatenati: alberghi chiusi, ristoranti a mezza capienza, stranieri assenti.

I vini italiani sono stati fino ad ora risparmiati dai dazi USA che hanno invece colpito i vini francesi e quelli spagnoli, cagionando perdite considerevoli: 25,3% e 12,3% rispettivamente.

Dita incrociate

La Uiv tiene le dita incrociate e spera che l’azione diplomatica e la pressione fatta dalle società statunitensi, possa bastare a scongiurare i dazi anche sui vini italiani.

Questa ulteriore batosta potrebbe causare danni irreversibili a quelle imprese del settore fortemente legate alle esportazioni.

Si attende quindi con non poca tensione il 12 agosto, data prevista per la decisione finale.

Correlati:

Crimea e Italia: comincia una produzione condivisa di vino
Dazi USA, Trump grazia la pasta e il vino italiano
Confagricoltura, senza vino l’Italia perde economia, cultura, posti di lavoro
Tags:
vino
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook