12:00 19 Settembre 2020
Economia
URL abbreviato
103
Seguici su

TikTok deve vendere le sue attività negli Stati Uniti a proprietari non cinesi entro il 15 settembre per non essere bandita in America, dopo che il presidente Donald Trump ha firmato giovedì un ordine esecutivo che vieta qualsiasi transazione con lo sviluppatore dell'app, la società cinese ByteDance Ltd.

Secondo fonti citate dal Financial Times, Microsoft sta cercando di concludere un accordo con ByteDance, il proprietario cinese dell'app video virale TikTok, per acquistare tutte le sue attività globali, comprese le operazioni in India e in Europa.

Poiché TikTok, la piattaforma di social networking popolare a livello mondiale che consente agli utenti di creare e visualizzare video in formato breve, non opera in Cina, un potenziale accordo non si estenderebbe alla sua app sorella Douyin.

Una fonte vicina a Microsoft è stata citata per respingere le affermazioni secondo cui gli "asset swap in Cina" facevano parte delle presunte discussioni, con altre due fonti che menzionavano la volontà della multinazionale tecnologica americana di "tranquillizzare" il governo cinese mentre schivava il fuoco incrociato tra Pechino e Washington.

Mentre in precedenza, il 2 agosto, Microsoft aveva annunciato di essere in trattative con ByteDance per esplorare "un acquisto del servizio TikTok negli Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda", il rapporto attuale arriva mentre le parti sembrano affrettarsi a incontrarsi una scadenza di metà settembre per concludere un accordo ed evitare un incombente divieto di TikTok negli Stati Uniti.

Secondo FT, Microsoft ha accolto con favore l'opzione di acquisire operazioni globali del servizio di social networking di condivisione video cinese a causa delle citate sfide di separare le funzioni di back-office, nonché del desiderio di consentire agli utenti di TikTok in un paese di utilizzare l'app quando si viaggia in un altro.
Secondo quanto riferito, il prezzo è uno dei numerosi ostacoli alla potenziale transazione.

Già prima dell'inizio dei negoziati, ByteDance sarebbe stata bloccata nei tentativi di disimpegnare la tecnologia di TikTok, separando i dati e gli algoritmi tra la Cina e il resto delle sue operazioni globali.

Le discussioni sul potenziale accordo sono state paragonate a degli"scacchi multidimensionali" a causa dei numerosi stakeholder coinvolti, inclusi i governi e gli azionisti di minoranza di ByteDance.

Si ritiene che Microsoft abbia discusso l'aggiunta di una clausola che garantisca un anno a TikTok per "districarsi" dalla sua società madre cinese, per alleviare le preoccupazioni del governo degli Stati Uniti in merito alla sicurezza dei dati generati dall'app.

Per quanto riguarda i tempi, il Financial Times cita persone che definiscono impegnativa la vendita, suggerendo che la separazione del software potrebbe richiedere tra i cinque e gli otto anni.

Il divieto dell'app in India

Il più grande mercato di TikTok è l'India; I dati di Sensor Tower lo accreditano con oltre 650 milioni di download.

Alla fine di giugno, l'app è stata bandita nel paese dopo che il governo indiano l'ha aggiunta a una lista nera di 59 app mobili cinesi ritenute una minaccia alla sicurezza nazionale, con un cambio di proprietà potenzialmente in grado d'invertire la situazione.

Lo "stigma della proprietà cinese" ha inferto un duro colpo a TikTok in India in una situazione instabile dopo che i soldati indiani si sono scontrati con le forze cinesi in una zona di confine himalayana contesa all'inizio di quest'anno.

Il rapporto cita una fonte che conferma che c'era un "accordo in lavorazione" con Microsoft per TikTok India; tuttavia, se non fosse stato garantito, ByteDance aveva la possibilità di vendere TikTok India a investitori stranieri o acquirenti indiani, e successivamente concedere in licenza la sua tecnologia all'azienda.

L'ordine esecutivo di Donald Trump

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato giovedì un ordine esecutivo che vieta qualsiasi transazione con lo sviluppatore di TikTok ByteDance Ltd. a partire da 45 giorni dopo la firma del documento, citando i rischi per la sicurezza nazionale, una mossa simile a quella intrapresa contro il gigante tecnologico Huawei e altre aziende cinesi.

“La diffusione negli Stati Uniti di applicazioni mobili sviluppate e possedute da aziende della Repubblica Popolare Cinese continua a minacciare la sicurezza nazionale, la politica estera e l'economia degli Stati Uniti. In questo momento, è necessario agire per affrontare la minaccia rappresentata da un'applicazione mobile, in particolare TikTok", ha affermato l'ordine.

Correlati:

Trump firma ordine esecutivo per vietare transazioni con lo sviluppatore di TikTok
"Non aprite il vaso di Pandora", Pechino avverte sulle conseguenze dell'acquisizione di TikTok
Microsoft decisa a portare avanti le trattative per l'acquisizione di TikTok
Tags:
App, Cina, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook