11:02 01 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
131
Seguici su

Migliora la produzione industriale italiana a giugno che prosegue la fase di crescita, anche se il dato tendenziale annuo resta negativo a causa dei mesi di chiusura.

Buone notizie sul fronte della ripesa della produzione industriale in Italia che sale dell'8,2% a giugno 2020 rispetto al mese di maggio.

A crescere in particolare il comparto dei beni di consumo (+9,8%), i beni intermedi (+9%) e i beni strumentali (+8,1%) e, con una dinamica meno accentuata, l’energia (+2,1%).

Nel secondo trimestre la produzione industriale cade del 17,5% rispetto al primo trimestre del 2020.

Per quanto riguarda i dati tendenziali tutti i settori sono in calo, fatta eccezione per le attività estrattive che migliorano le performance del +1,5%.

Flessioni sui dati tendenziali si registrano in maniera pesante nel settore dell’abbigliamento e del tessile (-26,7%), nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-22,9%) e nella fabbricazione dei mezzi di trasporto (-26,4%).

La crescita prosegue

I dati Istat fanno notare come la ripresa della produzione riprende un po’ in tutti i settori. Non siamo ai livelli pre-pandemia ma la crescita congiunturale prosegue.

Le esportazioni e scambi con l'estero

"Gli scambi con l’estero dell’Italia evidenziano a maggio una ripresa sia delle esportazioni (+35,0% rispetto ad aprile) sia, in misura più contenuta, delle importazioni (+5,6%). Il recupero, esteso a tutti i principali raggruppamenti di industrie, tuttavia, ha solo parzialmente compensato gli effetti della brusca caduta registrata tra marzo e aprile."

Questo quanto riportato dalla Nota mensile sull'andamento dell'economia italiana riferita ai dati aggiornati a luglio 2020.

Correlati:

Crollo nascite, presidente Istat Blangiardo: "difficile tornare indietro" - Esclusiva
Istat, livello di istruzione in Italia molto basso: siamo fanalino di coda in Ue
Istat, persi 600mila posti di lavoro da febbraio 2020
Tags:
industria, Economia, ISTAT
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook