02:25 28 Settembre 2020
Economia
URL abbreviato
0 06
Seguici su

Il governo del Regno Unito suggerisce ai fornitori di medicinali di fare le scorte in vista di una possibile uscita della Gran Bretagna dall'UE senza accordo.

La lettera recante questa raccomandazione è stata scritta dal direttore commerciale del dipartimento della Salute britannico (DHSC) Steve Oldfield, ed è stata pubblicata sul sito del governo del Paese.

Il rappresentante del dicastero sottolinea la necessità di prepararsi a tutti gli sviluppi possibili dopo la fine del periodo di transizione in vista dell'uscita della Gran Bretagna dal mercato unico dell'UE e dall'unione doganale.

“Il nostro obiettivo comune deve essere quello di mitigare qualsiasi potenziale sospensione dell'approvvigionamento nel Regno Unito in tutte le categorie di forniture mediche, compresi medicinali, dispositivi medici e materiali di consumo clinici, forniture per studi clinici, prodotti di origine umana (sangue e articoli da trapianto), vaccini e contromisure, beni e servizi non clinici a sostegno dei fornitori di assistenza sanitaria e sociale”, scrive Oldfield.

Le autorità invitano le aziende a controllare e, se necessario, a mettere a punto le loro catene di approvvigionamento per garantire che ci siano riserve sufficienti di articoli sanitari nei loro magazzini.

“Riconosciamo il fatto che le catene di approvvigionamento globali sono sottoposte a forti pressioni, aggravate dai recenti eventi riguardo il COVID-19. Tuttavia, incoraggiamo le aziende ad integrare le scorte come parte fondamentale per i piani di emergenza e chiediamo all'industria, ove possibile, di riempire le riserve fino ad ottenere un livello di 6 settimane di rifornimento sul suolo del Regno Unito”, si legge nella lettera.

Il Regno Unito ha lasciato l'Unione Europea il 31 gennaio e ha tempo fino al 31 dicembre per negoziare un accordo commerciale con il blocco che entrerà in vigore al termine del periodo di transizione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook