02:15 01 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
112
Seguici su

Coldiretti avverte che in autunno avremo 4 milioni di italiani senza soldi per comprare da mangiare e chiede al Governo di usare il Recovery Fund per comprare loro alimenti Made in Italy.

Secondo le stime di Coldiretti l’autunno italiano sarà emergenza fame per 4 milioni di italiani che non avranno i soldi per comprare il cibo essenziale alla sopravvivenza minima.

Come ha riportato la Banca d’Italia a luglio in un suo studio citato anche da Coldiretti, il 38,4% degli italiani ha risorse economiche per affrontare le spese basilari per non più di 3 mesi.

Il 40% degli italiani, inoltre, ha da mesi difficoltà a pagare le rate del mutuo.

Una situazione di difficoltà che Coldiretti denuncia essere diffusa “lungo tutta la Penisola” con maggiori criticità “nel Mezzogiorno con il 20% degli indigenti che si trova in Campania, il 14% in Calabria e l’11% in Sicilia, ma condizioni diffuse di bisogno alimentare si rilevano anche nel Lazio (10%) e nella Lombardia (9%) dove più duramente ha colpito l’emergenza sanitaria, secondo gli ultimi dati Fead”.

Coldiretti propone l’uso del Recovery Fund

Coldiretti lancia la sua proposta al Governo italiano per voce del presidente Ettore Prandini.

“Tra le priorità del Recovery Fund per l’Italia dovrà certamente esserci un piano straordinario di almeno un miliardo di euro per acquistare cibo 100% Made in Italy da destinare alle famiglie più povere per l’emergenza sociale senza precedenti che l’Italia dovrà affrontare.”

Fondi alle famiglie in difficoltà

“Va dunque aumentata la dotazione dei fondi per l’acquisto del cibo destinato alle famiglie in difficoltà, scegliendo solo prodotti agroalimentari 100% Made in Italy, a cominciare dalle eccellenze come Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutto di Parma o Prosciutto di San Daniele ma anche olio extravergine ottenuto da olive italiane, vino Made in Italy e frutta e verdura italiane.”

Per Coldiretti bisognerà quindi sconfiggere la fame in Italia aggravata dalla pandemia, comprando prodotti Made in Italy dell’agroalimentare italiano che possano così stimolare l’economia italiana e in essa restare per intero.

“Un intervento necessario per fare fronte a quella che è diventata una vera e propria emergenza e, allo stesso tempo, sostenere il lavoro e l’economia del sistema agroalimentare tricolore duramente colpito dalle difficoltà delle esportazioni e della ristorazione.”

Correlati:

Coldiretti, via libera a 50mila lavoratori extra Ue per la fase 3
Coldiretti, il via libera dall’UE all’etichetta salumi per tutelare il Made in Italy
Coldiretti, 2 italiani su 3 passeranno l'estate nei borghi
Tags:
Coldiretti
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook