07:33 15 Agosto 2020
Economia
URL abbreviato
128
Seguici su

Una proposta bipartisan per espandere le sanzioni statunitensi sul gasdotto Nord Stream 2 è stata introdotta al Congresso all'inizio di giugno, con la Russia che ha sbattuto le misure restrittive americane come una violazione del diritto internazionale.

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato un emendamento al National Defense Authorization Act (NDAA), che prevede l'imposizione di nuove sanzioni alle società coinvolte nella realizzazione del gasdotto Nord Stream 2.

"La Camera ha adottato l'emendamento n. 13 (chiarisce ed estende le sanzioni relative alla costruzione del gasdotto Nord Stream II).​

La mossa è seguita alla dichiarazione del vicepresidente della Commissione europea Josep Borrell della scorsa settimana secondo cui l'UE si oppone all'uso di sanzioni da parte di paesi terzi contro "le società europee che svolgono attività legittime".

 

"Inoltre, l'UE ritiene che l'applicazione extraterritoriale delle sanzioni sia contraria al diritto internazionale. Le politiche europee dovrebbero essere stabilite qui in Europa e non da paesi terzi", ha sottolineato Borrell.
Riferendosi al progetto Nord Stream 2, ha espresso preoccupazione per il "crescente uso di sanzioni o la minaccia di sanzioni" da parte dell'amministrazione Trump nei confronti di "società e interessi" europei.

La dichiarazione è arrivata dopo che il segretario di Stato Mike Pompeo ha annunciato i piani di Washington di sanzionare le società che lavorano sul Nord Stream 2 ai sensi del Countering America's Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA).

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha respinto le nuove sanzioni come una forma di "pressione politica" volta a "garantire una concorrenza sleale" contro Mosca.

"Questo è un indicatore della debolezza del sistema americano. A parte le tattiche da pugno di ferro, non hanno altri strumenti efficaci", ha sottolineato.

Le osservazioni sono state precedute da un gruppo bipartisan di senatori statunitensi il mese scorso che hanno introdotto nuove sanzioni contro Nord Stream 2, con il disegno di legge intitolato "Proteggere la legge europea sulla sicurezza energetica".

Il disegno di legge estenderebbe l'applicazione delle sanzioni imposte a Nord Stream 2 per includere tutte le società che forniscono certificazione, assicurazione e strutture portuali per le navi posatubi relative al progetto.

Il ministro russo dell'Energia Alexander Novak ha risposto alla mossa in quel momento affermando che le minacce statunitensi di espandere le sanzioni sul gasdotto Nord Stream 2 indicano interferenze negli affari degli stati sovrani e protezionismo.

Gli USA hanno paura di una "dipendenza" dal gas russo

Gli Stati Uniti si sono opposti a lungo al Nord Stream 2, sostenendo che avrebbe concesso a Mosca una leva politica sull'Europa aumentando la dipendenza di quest'ultima dal gas russo. La pressione sarebbe stata imposta anche alla Germania, un membro chiave del progetto, nonostante Berlino insista con veemenza sul fatto che Nord Stream 2 sia un progetto di natura puramente economica.

Mosca afferma che le sanzioni di Washington non faranno deragliare l'attuazione del progetto, aggiungendo che considera tali azioni come una manifestazione di concorrenza sleale contraria al diritto internazionale.

Oltre al colosso energetico russo Gazprom, cinque società europee sono coinvolte nella costruzione di Nord Stream 2, tra cui la francese ENGIE, la austriaca OMV, la compagnia britannico-olandese Royal Dutch Shell, nonché la tedesca Uniper e Wintershall.

Una volta completato, il gasdotto sarà in grado di transitare fino a 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla Russia alla Germania, raddoppiando così la capacità della rete Nord Stream esistente e trasformando la Germania in un hub del gas.
 

Correlati:

Via libera della Danimarca per completare la costruzione del gasdotto Nord Stream-2
Il gasdotto Nord Stream continua a pompare gas ininterrottamente nonostante la pandemia
Piano Usa per estendere sanzioni contro gasdotto Nord Stream-2
Tags:
gasdotto Nord Stream 2
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook