17:35 26 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Confesercenti, in seguito alla proposta del viceministro dell'Economia dem Antonio Misiani, si è dichiarata favorevole ad una rateizzazione degli adempimenti fiscali, ma sarebbe necessario iniziare già ora con i pagamenti in scadenza.

Confesercenti risponde alla proposta di una rateizzazione fiscale per gli adempimenti portata avanti dal viceministro dem dell'Economia Antonio Misiani, dichiarandosi la prima ad aver richiesto una possibilità di effettuare pagamenti mensili. Tuttavia è necessario iniziare con la suddivisione in rate a partire dai pagamenti già in scadenza, per poter dare la possibilità ai contribuenti di pagare senza indebitarsi. 

"Confesercenti ha chiesto per prima la possibilità di effettuare pagamenti mensili, una sorta di “abbonamento fiscale” che dia maggior respiro finanziario alle imprese, e giudica pertanto positiva l’apertura del Viceministro per l’Economia Misiani al superamento del meccanismo ‘saldo-acconti’. In questo momento così delicato, però, sarebbe stato più opportuno un rinvio: le imprese si trovano a corto di liquidità" si legge nel comunicato stampa di Confesercenti.

​Il rinvio non avrebbe creato per forza un altro ingorgo, ma la rateizzazione è un proposta praticabile 

Nonostante Confesercenti fosse propensa ad uno spostamento ad ottobre, e non a settembre, proprio per avere una distribuzione più equilibrata delle scadenze durante l’anno, ritiene comunque valida la proposta della rateizzazione, purché applicabile già ai pagamenti in scadenza.

"L’idea di introdurre per il futuro una sorta di “abbonamento fiscale”, superando il meccanismo “saldo-acconti” con una rateizzazione mensile di quanto dovuto ed un conguaglio finale, ci sembra una proposta seria e praticabile che il Governo dovrebbe prendere in considerazione [...] riteniamo che, proprio per non vanificare questi sforzi, sarebbe stato opportuno dare la possibilità di rateizzare anche i versamenti ora in scadenza ed introdurre, quanto prima ed almeno per le PMI, la possibilità di pagare mensilmente anche oltre la fine del corrente anno fiscale" conclude il comunicato stampa di Confesercenti.

Da oggi ha inizio una maratona fiscale per 4,5 milioni di contribuenti con 142 scadenze da adempiere entro la fine del mese di luglio. La prima scadenza è il 20 luglio, giornata impegnativa con 51 versamenti previsti. Tra i pagamenti che dovranno effettuati c'è l'Irpef, l'Ires, l'Irap e l'Iva periodica e il saldo 2019 della cedolare secca e il rimo acconto 2020. Entro il 30 luglio sono poi previsti altri 65 versamenti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook