20:02 14 Agosto 2020
Economia
URL abbreviato
0 12
Seguici su

Procede a tappe serrate il cammino di Autostrade per l'ingresso della compagine pubblica, rappresentata da CDP e da una cordata istituzionale. Entro fine mese il memorandum d'intesa con Atlantia.

Da gennaio entrerà in vigore un nuovo tariffario che legherà i pedaggi autostradali ai costi effettivi, senza ricompensare "in eccesso" gli investimenti, "non incentivando la migliore realizzazione delle manutenzioni". Lo ha detto la ministra di Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, intervistata da Il Messaggero, che conta di ridurre i pedaggi applicando i modelli dell'Autorità di controllo dei trasporti.

Aspi attuerà il nuovo modello indicato dall'Autorità e questo accadrà per tutti i concessionari. Contiamo di farlo entrare in vigore al massimo da gennaio: Aspi lo aveva addirittura impugnato", ha detto la De Micheli, sottolineando che ""il Ministero delle Infrastrutture sulla rete gestita da Autostrade ha rilevato delle gravi inadempienze e quindi una sostanziale inaffidabilità del lavoro svolto negli ultimi anni dal concessionario". 

La situazione autostradale, però, non condiziona le concessioni aeroportuali, in mano ai Benetton. "Sugli aeroporti di Roma la verifica del ministero è stata positiva. Tanto è verso che per tre anni consecutivi lo scalo romano ha vinto il premio come miglior aeroporto del mondo", precisa la ministra.

Verso la Public Company

Intanto si procede a tappe serrate per l'accesso della compagine pubblica in Aspi, con cui si diluirà la presenza di Atlantia sino al 10-12% per trasformare Autostrade in un'impresa di mercato ma a capitali pubblici, in base a quanto deciso nel CDM fiume di giovedì scorso. 

La prossima tappa è quella del 23 luglio, il termine indicato dal Mit ad Aspi per la presentazione del nuovo piano economico finanziario. Entro il 27 luglio, invece, dovrà essere firmato il memorandum di intesa con Cassa Depositi e Prestiti, che sarà alla guida con il 33% delle quote di capitale, di una cordata di investitori pubblici, per una partecipazione statale complessiva del 55%. 

Tags:
Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook