19:18 05 Agosto 2020
Economia
URL abbreviato
112
Seguici su

Per il Commissario Ue al Bilancio, l'austriaco Hahn, aiutare l'Italia è importante. Raggiungere un accordo europeo sul Recovery Fund è un segnale importante da dare ai mercati finanziari.

Per l’Italia il Recovery Fund è una risorsa preziosa e una opportunità “perché potrà fare le riforme necessarie per essere più preparata e indipendente in caso di una nuova crisi”, a dirlo è il Commissario Ue al Bilancio Johannes Hahn, austriaco.

Non solo Hahn crede che sia importante aiutare l’Italia, ma crede anche che sia importante che l’Europa dia ai mercati un segnale forte di capacità non solo di “discutere”, ma anche di prendere decisioni.

L’Austria sta comprendendo il Recovery Fund

Hahn, intervistato da La Stampa, rivela anche che “Vienna ha capito quanto è importante sostenere il piano europeo”.

Quindi afferma che “ora è importante che tutti facciano un passo per arrivare a un compromesso”. Hahn crede che tutti in Europa “hanno capito che è necessario un compromesso e che per farlo ognuno deve muoversi verso il centro”.

Il Commissario Ue al Bilancio considera la proposta presentata da Charles Michel una buona proposta “equilibrata” sulla quale sarà possibile condurre un buon negoziato.

L’imparzialità sulla governance

Hahn tocca anche il tema della imparzialità sulla gestione del progetto Next Generation EU, che contiene anche il Recovery Fund.

Il Commissario dice che “l’Italia vuole che sia la Commissione a guidare questo processo perché noi garantiamo imparzialità”, ma aggiunge anche che altri governi “non la pensano così”.

Chi dovrà gestire i fondi da elargire e come, quindi, sarà argomento da dibattere durante il Consiglio europeo che avrà luogo il 17 e 18 luglio a Bruxelles.

Correlati:

Recovery Fund, Conte dopo l'incontro con Rutte: "Divergenze, ma ci si può lavorare"
Conte: prossima riunione del Consiglio UE su Recovery Fund è "appuntamento con la storia"
Conte riferisce alla Camera sull’accordo UE: su Recovery Fund vinciamo o perdiamo tutti
Tags:
Unione Europea
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook