19:43 13 Agosto 2020
Economia
URL abbreviato
2210
Seguici su

La Turchia e gli Stati Uniti potrebbero cooperare nella costruzione di infrastrutture energetiche in Iraq e Libia, ha affermato Alparslan Bayraktar, vice ministro dell'Energia e delle Risorse Naturali turco.

“Compagnie americane e turche potrebbero cooperare in paesi terzi”, ha detto Bayraktar in una conferenza online.

Il funzionario turco ha citato come esempio l'Iraq e la Libia.

"L'Iraq ha bisogno di grandi investimenti in infrastrutture: nuove centrali elettriche, perfezionamento delle reti di distribuzione e delle linee elettriche", ha detto.

Inoltre, a suo avviso, è necessario espandere il sistema di tubazioni esistente per garantire il trasporto sicuro di greggio, che ha bisogno di nuove linee.

"Le società turche e statunitensi possono cooperare nella costruzione di infrastrutture energetiche in Iraq. C'è anche un'opzione in Libia, ad esempio" - ha aggiunto Bayraktar.

La situazione in Libia

Dopo il rovesciamento e l'assassinio del leader libico Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia ha praticamente smesso di funzionare come un singolo stato. Ora nel paese ci sono due governi: il parlamento eletto dal popolo si trova a est e a ovest, nella capitale Tripoli, il Governo di Accordo Nazionale (GNA), formato con il sostegno delle Nazioni Unite e dell'Unione europea, e sostenuto militarmente dalla Turchia di Erdogan. Le autorità della parte orientale del paese operano indipendentemente da Tripoli e cooperano con l'Esercito Nazionale Libico (LNA) del maresciallo Khalifa Haftar.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook