02:10 26 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
101
Seguici su

Nei primi tre mesi dell'anno già persi 500 mila posti di lavoro. Rischio di perderne altri 500 mila in assenza di una seconda ondata di pandemia e un milione in caso di scenario sfavorevole. Secondo l'organizzazione necessario un cambio di rotta.

Secondo l'Employment Economic Outlook 2020 dell'Ocse la crisi economica dovuta al lockdown è costata all'Italia già la perdita di 500 mila posti di lavoro. Numero che potrà raddoppiare qualora non si presenti una seconda ondata di coronavirus o addirittura triplicare qualora l'emergenza si ripresenti. 

A voler essere precisi riportando nel dettaglio i dati forniti, in caso di scenario migliore l'Italia perderà 1.148.620 di posti di lavoro rispetto al 2019 e nello scenario peggiore 1.483.920.

In totale i posti a rischio in tutta l'area Ocse a fine 2020 saranno oltre 31 milioni nello scenario migliore e 53 milioni nello scenario peggiore. 

L'organizzazione con sede a Parigi invita l'Italia a un cambio di rotta, traducibile nel "trovare il giusto equilibrio tra un rinnovato sostegno a chi è in difficoltà, l'accompagnamento delle inevitabili ristrutturazioni dove necessario e la creazione di nuovi posti di lavoro".

Necessario quindi non solo proteggere gli attuali posti di lavoro attraverso il blocco dei licenziamenti e la cassa integrazione ma appunto crearne anche di nuovi. 

L'Italia è inoltre invitata ad agire rapidamente per aiutare i giovani a mantenere un legame con il mercato del lavoro, per esempio attraverso un rinnovo significativo del piano Garanzia Giovani.

I servizi pubblici e privati per l'impiego devono prepararsi ad un aumento della domanda dei loro servizi, migliorando la loro gestione attraverso il ricorso a strumenti digitali. 

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook