09:37 03 Dicembre 2020
Economia
URL abbreviato
102
Seguici su

La Commissione Ue e l'unità degli Affari economici, rivedono al ribasso le stime di crescita della zona euro a -8,7%, mentre il Pil dell'Italia nel 2020 si attesterà al -11,2%.

La Commissione Europea aggiorna le stime di crescita dei 27 Stati Membri e per l’Italia prefigura un crollo netto del Pil nel 2020 pari al -11,2%, con un recupero del +6,1% nel 2021.

Secondo le stime della Commissione è il peggior risultato in Europa. La pandemia da Covid-19 ha causato una “profonda contrazione” economica con un blocco produttivo che avrà ripercussioni sull’andamento del Paese.

Se non vi sarà seconda ondata, Bruxelles prevede una ripresa dell’attività economica a patto che riceva aiuti dalla politica economica del governo.

A riprendersi più rapidamente saranno le industrie, mentre il turismo e le attività a essa collegate impiegheranno più tempo a riprendersi.

Per quanto riguarda la spesa degli italiani, i consumatori riprenderanno a spendere di più nella seconda metà dell’anno. Fondamentali ancora gli aiuti dello Stato attraverso la cassa integrazione e altri sussidi che ridurranno l’impatto della crisi sui salari.

Gli investimenti

Per quanto riguarda gli investimenti è prevista una fase depressiva quest’anno, con una riduzione degli stessi in attesa di una maggiore ripresa delle condizioni di normalità prevista a partire dal 2021.

Gli investimenti sono frenati da due fattori principali: il primo riguarda la domanda che stenta a trainare la produzione; il secondo fattore riguarda la necessità delle aziende di conservare liquidità per fare fronte alle spese correnti in questa fase critica.

Risultano quindi solo parzialmente efficaci i prestiti garantiti dallo Stato alle imprese, i crediti fiscali e le altre forme di sostegno, tra cui il fondo perduto.

Crescita al ribasso

La Commissione Ue prevede per l’Italia una stima di crescita soggetta a forti rischi e un crollo del mercato del lavoro protratto nel tempo: le misure di emergenza potrebbero non bastare e la ripresa si potrebbe arrestare al termine degli stimoli.

Pil della zona euro

Per quanto riguarda il Pil della zona euro si attesterà al -8,7% di media nel 2020, con ripresa al +6,1% nel 2021.

Subito dietro l’Italia si colloca la Spagna con una caduta del Pil del -10,9%, seguita dalla Francia al -10,6%.

La recessione è ben più profonda di quanto ci si attendesse ammette Bruxelles, che nella precedente stima aveva previsto una caduta del Pil della zona euro del -7,7% e una ripresa del +6,3% nel 2021.

Correlati:

Coronavirus, Italia sprofonda nella recessione: perde il 9,5% del PIL
Ocse, Pil dell'Italia a picco in caso di seconda ondata
Pil Italia -5,4% nel primo trimestre del 2020: peggior risultato dal 1995
Tags:
Commissione Europea, Economia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook