19:18 21 Settembre 2020
Economia
URL abbreviato
711
Seguici su

Il primo luglio entra in vigore il taglio del cuneo fiscale sugli stipendi dei lavoratori dipendenti previsto dalla legge di Bilancio. “Significa più soldi in busta paga, con aumenti fino a 100 euro al mese", ha detto il ministro Luigi Di Maio.

Mercoledì primo luglio entra in vigore il taglio del cuneo fiscale sugli stipendi dei lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato.

La manovra, prevista dalla legge di Bilancio, è stata salutata dal Ministero degli Esteri Luigi di Maio, che in un post su Facebook l'ha definita non una rivoluzione ma un passo avanti.

I benefici per i lavoratori

Cosa comporta concretamente il taglio del cuneo fiscale per le buste paga dei lavoratori dipendenti?

  • Per i dipendenti con redditi medio-bassi compresi tra 8.174 euro e 28.000 euro il bonus è riconosciuto direttamente in busta paga, per un importo pari a 100 euro al mese.
  • Per i redditi superiori, da 28 a 40mila euro, è riconosciuta una nuova detrazione fiscale. 
  • Per ciò che concerne il settore scuola ci sarà un incremento netto mensile in busta paga di 73,49 euro, che comporta una variazione del netto del 4,21%.
  • L'aumento più cospicuo riguarda i lavoratori ministeriali: i dipendenti si troveranno in busta paga 100 euro in più, con una variazione del netto del 5,54%.
  • I corpi di polizia avranno un nuovo bonus mensile di 50,8 euro, con una variazione del netto del 2,24%.
  • L'aumento riconosciuto al servizio sanitario nazionale sarà di 76,33 euro, con una variazione del netto del 3,49%.
  • Il settore "cenerentola" è quello dell'università, con un aumento di sole 5,79 euro, con lo 0,24% di  variazione del netto.

Ecco i numeri per quanto riguarda il settore privato.

  • Gli impiegati della manifattura che hanno un reddito medio annuale di 30.721 euro si ritroveranno in busta paga 92,23 euro mensili in più, con una variazione della retribuzione netta del 4,69%. Nessun aumento invece per i dirigenti.
  • Per gli operai della fornitura di energia elettrica con redditi medi di 33.972 euro l'aumento previsto dal 1 luglio è di 82,93 euro mensili, con una variazione della retribuzione netta del 3,90%.
  • Gli impiegati nel settore edilizio invece avranno un aumento dello stipendio di 20 euro, con una variazione della retribuzione netta del 1,26%.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook