18:52 12 Luglio 2020
Economia
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Il tempo necessario per un pagamento ammonta a 48 giorni. Ritardo medio di un giorno rispetto ai 7 precedenti. Miglioramenti costanti rilevati dal 2015.

Buone notizie riguardo la tempistica della Pubblica Amministrazione sul versante dei pagamenti.

Secondo un'analisi pubblicata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, il tempo medio per il pagamento delle fatture da parte delle PA è sceso nel 2019 a 48 giorni rispetto ai 55 rilevati nel 2018.

Il ritardo medio di pagamento rispetto alla scadenza è di un giorno soltanto. 

Secondo i dati del sistema informativo della Piattaforma per i crediti commerciali (PCC), rilevati a maggio 2020, le fatture ricevute dalla PA nel 2019 sono 29,1 milioni, per un importo totale dovuto di 148,2 miliardi di Euro. Le fatture pagate ammontano a 24,5 milioni, pari a 140,4 miliardi di Euro, circa il 94,8% dell’importo totale.

I dati potrebbero incrementare a seguito dei pagamenti non ancora compiuti al momento del rilevamento.

I tempi di pagamento delle fatture emesse nel 2019 (48 giorni) confermano il trend decrescente del quadriennio precedente, in cui il tempo medio di pagamento era già sceso dai 74 giorni del 2015 fino ai 55 del 2018. Calato in proporzione inevitabilmente anche il tempo medio di ritardo: dai 27 giorni del 2015 si è passato ai 7 del 2018 fino all'unico del 2019.

Si alza quindi anche il numero delle fatture pagate dalle PA entro i termini previsti dalla normativa comunitaria e nazionale: dal 53,3% per quelle emesse nel 2015 si passa al 64,8% per quelle del 2018 fino al 69% per quelle del 2019.

Tra le varie istituzioni, a pagare le fatture nei tempi prescritti è stato maggiormente il comparto delle Regioni e Province autonome, con una percentuale del 77,8% nel 2019.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook