18:52 21 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
0 213
Seguici su

I dazi aggiuntivi potrebbero colpire una vasta gamma di prodotti di ogni genere, dalle olive ai camion, dal gin allo yogurt, importati da Francia, Spagna, Germania e Regno Unito.

L'Ufficio del Rappresentante per il Commercio degli USA (USTR) ha presentato una proposta per un aumento addizionale di dazi e tariffe alle importazioni dall'Europa. Le nuove imposte doganali colpirebbero l'export di Spagna, Francia, Germania e Gran Bretagna per un valore di 3,1 miliardi di dollari, riferisce Bloomberg. 

L'arsenale di tariffe addizionali che l'amministrazione Trump minaccia di dispiegare contro l'Europa rischia di far esplodere una guerra commerciale transatlantica entro la fine dell'estate. La gamma di merci su cui verrebbero applicate in addizione le nuove tariffe è molto ampia e contiene prodotti alimentari, come olio di oliva, formaggi e yogurt, alcolici e distillati come gin, vino e birra, e ancora camion, aerei e beni di lusso.

Nel mirino dei dazi all'export, che si aggiungerebbero a quelli già imposti lo scorso anno, sono finiti anche celebri brand del lusso come Cointreau, Pernod Ricard, per cognac e champagne, e Louis Vuitton per pelletteria e moda. Un parere finale sulle tariffe aggiuntive dovrà arrivare entro il 26 luglio.

Se la decisione sarà positiva, i costi degli importatori statunitensi potrebbero raddoppiare, provocando un azzeramento delle importazione da Ue e Regno Unito. 

I dazi di Trump contro l'Europa

L'amministrazione Trump ha imposto a partire dall'ottobre 2019 un aumento delle tariffe sull'import dai Paesi Ue, come risposta ai sussidi pubblici ricevuti dalla compagnia Airbus, considerati concorrenza sleale nei confronti di Boeing, il diretto competitor statunitense.

Come conseguenza del danno economico ricevuto, stimato in 11,2 miliardi di dollari, la USTR ha imposto un pacchetto di tariffe sui prodotti europei fino al 25%, che ha colpito anche il Made in Italy, e dell'11% sugli aerei europei.

Tags:
Gran Bretagna, UE, dazi, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook