13:37 17 Gennaio 2021
Economia
URL abbreviato
309
Seguici su

Il finanziamento richiesto dalla società, come da Decreto Liquidità, ha passato la supervisione dei giudici contabili e adesso dovrà ricevere l'ok del Mef.

La Corte dei Conti ha dato il via libera al prestito con garanzia pubblica di 6,3 miliardi di euro, destinato alle attività italiane di FCA. Per diventare effettivo, il finanziamento dovrà attendere il semaforo verde dal Mef, come previsto dalla normativa e dalle modalità del Decreto Rilancio. 

Si tratta di un passaggio formale che segue il controllo preventivo dei giudici contabili, necessario ad autorizzare il prestito.

La linea di credito triennale, erogato da Intesa San Paolo e coperto all'80% dalla garanzia SACE, servirà a Fiat-Crysler per pagare circa 10 mila fornitori italiani e avviare un piano di investimenti sulle nuove produzioni negli stabilimenti sul territorio nazionale. Nello specifico si tratta delle linee produttive di Torino e Melfi, rilanciati rispettivamente con i modelli green della nuova 500 elettrica e Jeep Renagade. 

FCA ha chiesto l'apertura della linea di credito lo scorso maggio, per il sostegno all'automotive italiano gravemente danneggiato dall'epidemia di nuovo coronavirus, per un ammontare pari al 25% del fatturato consolidato delle società industriali del gruppo FCA in Italia, ovvero fino a €6,3 miliardi. 

Un'intesa che riconosce il  ruolo del settore automobilistico nazionale, tra cui la Fca, come fulcro nella ripartenza del sistema industriale italiano.

"La nuova linea di credito, che si inserirebbe nell’ampio programma di FCA per una ripresa in sicurezza delle attività in Italia, farebbe seguito a un periodo senza precedenti, in cui le azioni tempestive messe in atto per mettere al sicuro dipendenti, famiglie e comunità durante l’emergenza da Covid-19, hanno comportato il totale blocco della produzione e delle attività di
vendita di FCA in Italia, con un drastico e inevitabile impatto sul breve e medio termine dell’intero ecosistema automobilistico", aveva scritto FCA in una nota. 

Nei giorni scorsi, intanto, è arrivata l'intesa con PSA per un accordo sulla fusione dei due colossi automobilistici, prevista entro il primo trimestre 2021.

Tags:
Fca (Fiat Chrisler Automobile), Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook