01:46 25 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
111
Seguici su

La Bce trasporta ancora più munizioni sul fronte della guerra alla nuova emergenza economica europea. Il programma PEPP passa da 750 miliardi a 1350 miliardi e fino a giugno 2021.

Piazza Affari reagisce alla notizia che la Bce è pronta ad aumentare di ulteriori 600 miliardi di euro il suo piano PEPP attraverso cui stimolare la politica monetaria europea per sostenerla in questo momento critico.

L’indice FTSE MIB è balzato dai 19.469 punti delle ore 13.50, ai 19.795 punti delle ore 14.00. Ma anche l’indice CAC 40 a Parigi e il DAX 30 a Francoforte hanno reagito allo stesso modo ed esattamente alle ore 13.50.

Tornando alla decisione della Bce, oltre a portare il Pandemic emergency purchase programme (PEPP) da 750 miliardi di euro a 1.350 miliardi (750 + 600), viene decisa l’estensione del programma per ulteriori sei mesi, ovvero fino a giugno 2021. Il precedente termine era stabilito al 31 dicembre 2020.

La decisione della Bce sul PEPP

Questa la decisione del Consiglio direttivo dell’Eurotower presieduto da Christine Lagarde, la cui intenzione è facilitare la trasmissione della politica monetaria alle imprese e alle famiglie sostenendo le condizioni di finanziamento all’economia reale nella forma dei prestiti a basso tasso di interesse.

Anche se, come ha messo nero su bianco la Commissione d’inchiesta sulle banche in Italia, i fondi erogati dalle banche italiane a chi ha chiesto i prestiti garantiti al 100% dallo Stato faticano a essere erogati.

La Bce tuttavia continuerà a comprare titoli di stato nazionali in modo flessibile e in base alle reali esigenze.

Correlati:

La Lagarde difende l'indipendenza della BCE: "Proseguiamo indisturbati"
BCE, secondo semestre? peggio del primo: crollo del Pil sino al 12%
Lagarde chiede che il patto di stabilità sia rivisto e avverte: nessuno ferma la BCE
Tags:
Christine Lagarde, BCE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook