01:40 28 Maggio 2020
Economia
URL abbreviato
0 13
Seguici su

Il governo britannico ha stanziato ulteriori 93 milioni di sterline per aprire al più presto un centro per la produzione di un vaccino contro il coronavirus. Lo dichiara il dipartimento per le imprese, l'energia e la strategia industriale.

Secondo le aspettative, il nuovo centro, la cui costruzione è già in corso nella contea di Oxfordshire, sarà aperto nell'estate del 2021, 12 mesi prima dei piani iniziali. In precedenza le autorità e gli investitori privati avevano stanziato per questo progetto 207 milioni di sterline.

“Il governo investe fino a 93 milioni di sterline per accelerare la costruzione del nuovo Centro per la produzione di vaccino e l'innovazione, che, una volta completato, sarà in grado di produrre un numero di dosi di vaccino sufficiente per servire l'intera popolazione del Regno Unito in soli sei mesi”, si legge in un comunicato del dipartimento.

Nel nuovo centro saranno sviluppati vaccini anche contro altri virus come ad esempio quello dell’influenza.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha osservato in un articolo pubblicato oggi nel settimanale Mail on Sunday che, nonostante gli sforzi compiuti nel paese per combattere il coronavirus, la ricerca di un vaccino potrebbe non avere successo e “probabilmente, dovremo vivere con il virus ancora per un periodo di tempo”.

“Abbiamo bisogno di trovare nuovi modi per controllare il virus. Lo faremo attraverso test e monitoraggio: faremo tamponi alle persone che hanno sintomi e tracceremo le persone con cui ha avuto contatti e che avrebbero potuto contrarre il virus”, ha sottolineato.

In precedenza, il governo britannico aveva annunciato investimenti per 250 milioni di sterline in vaccini contro il coronavirus ed aveva assunto l’obbligo di finanziare per cinque anni la Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI) per un totale di 330 milioni di sterline. Inoltre, il governo supporta 27 progetti di ricerca sul coronavirus.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook