01:59 21 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
La pandemia del coronavirus: superati i 3 milioni di casi nel mondo (27 aprile - 10 maggio) (106)
276
Seguici su

Nel solo mese di aprile c'è stata una perdita di 20,5 milioni di posti di lavoro, mentre l'occupazione si precarizza e i salari vengono ridotti a causa del lockdown.

Il nuovo coronavirus ha contagiato l'economia americana, che sprofonda in maniera preoccupante in quella che sembra sempre più essere la peggiore crisi dalla Grande Depressione. Il Dipartimento del Lavoro USA ha comunicato il dato della disoccupazione per il mese di aprile, pari al 14,7%. Il più alto di sempre

La perdita di occupazione nel solo mese di aprile è pari a 20,5 milioni di posti di lavoro. Un dato che cancella 11 anni di crescita economica, dalla recessione del 2008-2009. 

Allora, la crisi provocata dai titoli subprime provocò una dura ondata di disoccupazione, con una perdita del 6,5% dei  posti di lavoro nell'arco di due anni. Adesso, nel solo mese di aprile, la perdita di posti di lavoro è di 20,5 milioni, pari al 14,7%, più del doppio rispetto a 11 anni fa. 

Si tratta del tasso di disoccupazione da record, il più alto dalla fine della seconda guerra mondiale che supera il record al 10,8% toccato nel 1982 

I settori maggiormente colpiti sono quelli non essenziali, che hanno dovuto chiudere le saracinesche per la pandemia o che sono ad alta esposizione per i contagi, come ristorazione, ospitalità e tempo libero. 

Nella settimana del 12 aprile 16,2 milioni di persone erano iscritte nelle liste di disoccupazione e 26,5 hanno presentato richiesta di sussidi di disoccupazione durante tutto il mese. Dall'inizio dell'epidemia sono 33,5 milioni i posti di lavoro perduti. 

Taglio dei salari

Queste cifre non catturano per intero la portata del danno che il coronavirus ha inflitto a lavori e redditi. La disoccupazione, infatti, è solo una parte del problema. Molti di quanti hanno mantenuto il posto, hanno avuto un orario ridotto. Altri hanno subito tagli agli stipendi.

Altri che hanno perso il lavoro, hanno rinunciato a cercarlo, uscendo dal calcolo della forza-lavoro ed entrando nel grigio limbo degli inoccupati, senza reddito e senza prospettive. I più fortunati che hanno trovato lavoro in aziende che, per la natura della propria attività, non stanno soffrendo la crisi, come ad esempio Amazon, hanno visto un peggioramento delle proprie condizioni lavorative, contrattuali e salariali. 

 

Tema:
La pandemia del coronavirus: superati i 3 milioni di casi nel mondo (27 aprile - 10 maggio) (106)
Tags:
crisi, disoccupazione, Coronavirus, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook