09:24 26 Maggio 2020
Economia
URL abbreviato
L'emergenza coronavirus in Italia (13-21 aprile) (128)
0 02
Seguici su

Peggiora la percezione delle imprese italiane secondo l'indagine Confindustria. Il 97,2% di esse ha subito un impatto negativo e molte si sentono disarmate.

Alla luce della seconda indagine di Confindustria sulle imprese e l’impatto che il nuovo coronavirus sta avendo su di esse, la percezione della drammaticità della situazione si è amplificata.

Se alla prima indagine il 67,2% delle 4420 imprese che vi hanno partecipato affermavano di aver subito un impatto negativo, ora sono il 97,2% del totale.

Il peggioramento, scrive Confindustria, è dovuto anche “per l’entità del danno subito”, infatti le imprese con problemi molto gravi sono adesso il 43,7% contro il 14,4% dell’indagine precedente.

Dopo il 25 di marzo hanno chiuso la propria attività il 36,5% delle imprese intervistate, mentre tali provvedimenti hanno costretto a una chiusura parziale il 33,8% delle imprese.

Smart working e inattività

Il 26,4% dei dipendenti delle aziende intervistate fa home working e lavora quindi da casa, ma il 43% dei dipendenti è inattivo.

Ma, il “53,1% dei dipendenti delle aziende intervistate potrebbe dover ricorrere ad ammortizzatori sociali (CIGO, FIS, etc.)”, scrive Confindustria nella ‘Indagine sugli effetti del Covid-19 per le imprese italiane’.

Il calo del fatturato

Per quanto riguarda il calo del fatturato, Confindustria lo ha messo a confronto con il mese di marzo del 2019, verificando che le imprese hanno fatturato il 32,6% in meno. Anche le ore lavorate si sono ridotte del 32,5%. Le aziende con meno di 10 dipendenti hanno subito i danni maggiori.

Quasi tutte le imprese, ovvero l’84,5% del totale intervistato, ha lamentato un rallentamento della domanda sia sul fronte domestico che internazionale.

Mancano i dispositivi di protezione sanitaria

Il 59,3% delle imprese raggiunte dall’indagine lamentano la difficoltà di gestione dell’attività in questa situazione, e il 19,6% lamenta forti disagi nel reperire il materiale necessario a proteggere i lavoratori in modo adeguato.

Gli imprenditori “si sentono disarmati” nel 78,2% dei casi e non possono fare altro che attendere la fine del lockdown e il ritorno alla normalità.

Dall’indagine “emerge chiaramente la doppia difficoltà di garantire i flussi di liquidità con l’azienda chiusa o parzialmente aperta e quella ad essa legata di poter ripartire a pieno ritmo il prima possibile per limitare le perdite di fatturato”.

Alcuni giorni fa è stato annunciato che Carlo Bonomi era stato nominato il nuovo presidente di Confindustria.

Tema:
L'emergenza coronavirus in Italia (13-21 aprile) (128)

Correlati:

Confindustria Lombardia e Veneto: ‘Riaprire in sicurezza le imprese’
Cambio al vertice di Confindustria, Carlo Bonomi è il nuovo presidente designato
Bonomi presidente Confindustria designato: ‘La classe politica mi sembra molto smarrita’
Tags:
Coronavirus, Confindustria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook