21:38 02 Giugno 2020
Economia
URL abbreviato
0 43
Seguici su

L'OPEC+ ha concordato la nuova intesa, ha dichiarato il ministro dell'Energia russo Alexander Novak.

Secondo il capo del dicastero energetico russo, l'accordo sarà valido per due anni, fino al 1° maggio 2022. 23 Stati hanno sottoscritto il documento.

Il ministro ha aggiunto che tutti i Paesi dell'alleanza sono d'accordo sulla necessità di adottare misure incisive. Ridurranno la produzione dell'OPEC+ di 10 milioni di barili al giorno in totale nei prossimi due mesi, a maggio e giugno. Dopodichè nella seconda metà del 2020, l'alleanza dovrebbe ridurre la produzione di 8 milioni.

"Questo accordo sarà valido per 2 anni, mentre per il 2021 i parametri stabiliti nell'accordo contemplano una riduzione di 6 milioni di barili per tutti i Paesi partecipanti. Si tratta di 23 Paesi", ha aggiunto.

L'accordo OPEC+, come quello in vigore prima del 1 ° aprile, coinvolge dieci Paesi OPEC: Algeria, Angola, Congo, Guinea Equatoriale, Gabon, Iraq, Kuwait, Nigeria, Arabia Saudita, Emirati Arabi. Altri tre Paesi membri di questa organizzazione sono ancora esenti dai tagli alla produzione a causa di problemi politici: sono l'Iran, la Libia e il Venezuela.

Ci sono anche dieci Paesi non appartenenti al cartello petrolifero nell'accordo: Azerbaigian, Bahrain, Brunei, Kazakistan, Malesia, Messico, Oman, Russia, Sudan, Sudan del Sud.

Telefonata tra Putin e principe ereditario saudita: focus su negoziati OPEC+

Il presidente russo Vladimir Putin e il principe ereditario dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman Al Saud hanno discusso le questioni relative ai negoziati OPEC +, secondo quanto riferito dall'ufficio stampa del Cremlino.

I due leader si sono parlati al telefono, rileva il Cremlino.

"Hanno discusso le questioni relative ai negoziati all'interno dell'OPEC-plus in merito alla riduzione della produzione di petrolio. Sono stati concordati ulteriori contatti tra le parti su questo tema", afferma la nota.
Tags:
Economia, OPEC, Mohammad bin Salman Al Saud, Vladimir Putin, Arabia Saudita, Russia, Petrolio
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook