12:37 07 Giugno 2020
Economia
URL abbreviato
0 12
Seguici su

Nel periodo maggio-giugno, i membri dell'OPEC+ si sono impegnati a ridurre la produzione di un totale di dieci milioni di barili al giorno, ma è necessario il consenso del Messico affinché la transazione entri in vigore, secondo quanto riferito da Ministero dell'Energia dell'Azerbaigian a Sputnik.

L'OPEC+, sulla base dei colloqui di dieci ore di giovedì, ha adottato una dichiarazione di cooperazione con la riserva che il Messico, che non era d'accordo con i termini, deve impegnarsi a rispettare le quote concordate.

"In questa fase, gli obblighi di produzione ammontavano a 6,085 milioni di barili al giorno per i paesi dell'OPEC e 3,915 milioni di barili al giorno per i paesi al di fuori dell'OPEC", hanno rivelato i dettagli della transazione nel Ministero dell'Energia dell'Azerbaigian.

Nel resto dell'anno, la riduzione totale della produzione sarà di otto milioni di barili, ovvero il 18% del livello di ottobre 2018. Da gennaio 2021 ad aprile 2022, OPEC+ si impegna a ridurre la produzione di sei milioni di barili, pari al 14% del livello di ottobre 2018.

Nel periodo maggio-giugno, i partecipanti all'OPEC+ si sono impegnati a ridurre la produzione di un totale di dieci milioni di barili al giorno, ma è necessario il consenso del Messico affinché la transazione entri in vigore, secondo quanto riferito dal Ministero dell'Energia dell'Azerbaigian.

Come risulta dal comunicato finale dell'incontro, la Russia e l'Arabia Saudita, quando attueranno il nuovo accordo OPEC+ da maggio a fine giugno, dovranno produrre non più di 8,5 milioni di barili di petrolio al giorno.

Secondo fonti di Sputnik, il Messico e altri partecipanti all'OPEC+ si sono divisi in posizioni sul livello base di riferimento per i tagli alla produzione in base al nuovo accordo. Le autorità di questo paese non hanno concordato una quota in tre fasi per l'accordo OPEC+ con una riduzione della produzione in maggio-giugno di 400 mila barili al giorno da ottobre 2018, esprimendo la disponibilità a ridurre la produzione di soli 100 mila barili.

La discussione proseguirà venerdì al G20.

I paesi OPEC+ 6 marzo non sono stati in grado di concordare né di modificare i parametri dell'accordo per ridurre la produzione di petrolio, né di prorogarlo. Di conseguenza, dal 1° aprile, sono state revocate le restrizioni allo sviluppo nei paesi partecipanti alla precedente alleanza. Questo, insieme alla pandemia di coronavirus, ha causato un crollo del mercato petrolifero.

Correlati:

Petrolio, OPEC+ ed altri Paesi vicini ad accordo per taglio produzione - fonte
Accordo OPEC+ su taglio produzione petrolifera "può durare più di due anni"
Al via videoconferenza OPEC+: Russia e Arabia Saudita vogliono stabilizzare il mercato petrolifero
Tags:
OPEC, G20
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook