00:02 20 Febbraio 2020
Economia
URL abbreviato
0 20
Seguici su

I cittadini statunitensi hanno aumentato l'ammontare dei prestiti presi per 22 trimestri consecutivi per acquistare abitazioni o rifinanziare i loro mutui. Di conseguenza, il debito delle famiglie ha superato i $14 trilioni.

Il volume totale del debito accumulato dalle famiglie negli Stati Uniti ha superato i $14 trilioni nel quarto trimestre del 2019 dopo essere aumentato di $601 miliardi, afferma il rapporto pubblicato dalla Federal Reserve di New York.

I prestiti ipotecari sono aumentati di circa 120 miliardi e ora ammontano a $9,56 trilioni. Il tasso d'interesse per un'ipoteca di 30 anni è precipitato di circa 100 punti base nell'ultimo anno, rafforzando dunque il potere d'acquisto dei consumatori. Ad esempio, il pagamento mensile per un mutuo di $500.000 è diminuito di circa $300.

A loro volta, i prestiti ipotecari per i giovani tra i 18 e i 29 anni hanno superato un nuovo record dopo aver raggiunto i 1,04 trilioni di dollari. Questa cifra non veniva registrata dal terzo trimestre del 2007, poco prima della crisi dei mutui.

Nel frattempo, il debito degli studenti negli Stati Uniti è passato da 1,46 trilioni - registrati alla fine del 2018 a 1,51 trilioni alla fine del 2019. Uno studente su nove ha ritardato il pagamento o ha presentato istanza di fallimento l'anno scorso. Tuttavia, la cifra potrebbe essere più alta.

Attualmente la metà dei prestiti agli studenti è stata prorogata, sta attraversando il periodo di grazia o non viene riscossa forzosamente. Questi sono i motivi per cui questi debiti non sono entrati nel ciclo di rimborso e, una volta fatto, il tasso d'insolvenza può raddoppiare, avvertono gli analisti della Federal Reserve di New York.

Non è un segreto che un debito adeguato faciliti l'economia di uno stato, cioè permette alle persone fisiche di fare grandi investimenti senza la necessità di accumulare grandi quantità di riserve. Teoricamente, i prestiti non dovrebbero causare alcun problema, ma la crisi finanziaria globale del 2008 ha rivelato che la rapida crescita del debito delle famiglie, in particolare i mutui, può essere pericolosa.

A breve termine, l'aumento dei prestiti può accelerare la crescita economica e aumentare l'occupazione. Inizialmente, le famiglie incorrono in maggiori debiti per l'acquisto di nuove case o automobili, ma queste attività danno una spinta positiva all'economia dato che le case automobilistiche e le società di costruzioni iniziano ad assumere sempre più dipendenti.

Tuttavia, dopo tre o cinque anni, questa tendenza positiva di solito cambia rotta. Troppe famiglie indebitate possono essere costrette a ridurre le spese per rimborsare i prestiti. Di conseguenza, la crescita economica rallenta e aumenta la possibilità di una crisi finanziaria. Con tutto ciò, maggiore è l'indebitamento, caratteristica dei paesi sviluppati, più forti sono i loro effetti negativi sull'economia, concludono gli analisti del Fondo monetario internazionale.

Correlati:

Il Mes e le riforme della finanza
La Bce mette in guardia l'Italia: prudenza per i Paesi con alto debito
Lettera Ue all’Italia sulla manovra economica: “Il piano non rispetta il target riduzione debito”
Tags:
Prestiti, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook