08:55 10 Aprile 2020
Economia
URL abbreviato
103
Seguici su

E' crisi strutturale nel settore automobilistico. Dalle 218mila unità prodotte in Piemonte nel 2006 si è scesi alle attuali 21mila. I sindacati si mobilitano.

Il settore automobilistico italiano vive da anni una forte contrazione. Solo in Piemonte, dal 2008 ad oggi, sono andati persi 46.000 posti di lavoro. Dai 107 mila del 2007 si è passati ai 61.167 del 2018. Solo a Torino sono stati bruciati 9.000 posti di lavoro. 

Il calo di occupazione corrisponde ad un inesorabile calo di produzione. Sempre in Piemonte si è passati dalle 218.000 unità prodotte annualmente del 2006 a 21.000. Un crollo drastico di 197.000 unità prodotte all'anno. 

Queste cifre preoccupano i sezioni provinciali di Fim, Fiom e Uilm che hanno organizzato una "48 ore contro la crisi" in piazza Castello a Torino.

La crisi del settore in Piemonte

“Pensavamo fosse una crisi temporanea, ma si è rivelata strutturale”, spiega il segretario generale della Uilm torinese, Luigi Paone. La crisi dell'industria automobilistica ha colpito i livelli di ricchezza della regione che attualmente è quella con più ore di cassintegrazione ( 32 milioni di ore autorizzate). In aumento del 14% in più rispetto 2018 per un totale 16.000 lavoratori coinvolti in media ogni mese, ha chiarito Edi Lazzi, segretario di Fiom Torino.

I sindacati chiedono non solo la proroga degli ammortizzatori sociali (il 31 marzo scade la cig per 600 lavoratori Lear, a giugno per i 400 dipendenti Embraco), ma anche investimenti nello sviluppo della filiera automotive, in produzioni complementari come la giga factory di batterie e di infrastrutture come le paline di ricarica, e chiedonon il coinvolgimento del Politecnico per percorsi di formazione e riqualificazione dei lavoratori. 

Settore automobilistico in recessione

Dai dati riferiti dall'Istat relativamente all'ultimo trimestre 2019, la produzione industriale del Paese è entrata in recessione tecnica. A soffrire di più è proprio il settore automobilistico con un ribasso annuo del -13,9%, il maggiore dal 2012.

Tags:
Automobile, Torino, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook