09:06 30 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
553
Seguici su

Il gruppo bancario ha annunciato tagli piuttosto importanti per quanto riguarda il nostro Paese, inviando una lettera ai sindacati

Tra il 2019 e il 2023 Unicredit prevede tagli che porteranno alla chiusura di 450 filiali in Italia, con la perdita di 6000 posti di lavoro. 

A renderlo noto è lo stesso istituto bancario, con una lettera inviata alle sigle sindacali nell'ambito dell'apertura della procedura.

L'azienda ha inoltre precisato che 500 degli esuberi sono relativi a "eccedenze di capacità produttiva" del piano Transform 2019. Altri 5500, invece, riguarderanno delle "nuove eccedenze" e saranno legate al nuovo piano industriale piano Team23.

Il  piano industriale di Unicredit 2020-2023, i cui pilastri saranno l’aumento della clientela, la massimizzazione della produttività la gestione del rischio e quella del capitale, era stato presentato a Londra all'inizio dello scorso mese di dicembre, quando con un comunicato ufficiale il gruppo bancario comunicato i dettagli salienti della strategia dei prossimi tre anni. 

In quella sede si era parlato di una riduzione di 8mila dipendenti a partire dalla fine del 2019 fino alla fine del 2023, e ottimizzazione della rete di filiali con la chiusura di 500 unità a livello di gruppo bancario con l'AD di Unicredit, Jean Pierre Mustier, che aveva annunciato le intenzioni di contenere i costi mantenendo i conti in ordine.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook