15:14 29 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
0 80
Seguici su

Si dice che la nuova piattaforma includa Huawei, il fornitore di telefonia mobile numero 2 al mondo che è stato escluso dai servizi mobili di Google lo scorso anno. Xiaomi, uno dei membri della nuova alleanza, ha negato il coinvolgimento di Huawei.

Un gruppo comprendente i quattro principali produttori di smartphone al mondo cinesi creerà un servizio di distribuzione digitale in grado di superare Google Play, l'app store utilizzato nella maggior parte dei dispositivi Android, riferisce Reuters.

Si sostiene che questo gruppo, chiamato Global Developer Service Alliance (GDSA), includa Xiaomi, Huawei, Oppo e Vivo.

Insieme, queste società rappresentano il 40,1% delle vendite globali di telefoni cellulari e il 77,4% del mercato cinese nel quarto trimestre del 2019, secondo i dati della società di consulenza IDC.

La GDSA mira a fornire una piattaforma per i suoi utenti per caricare contemporaneamente app e altri contenuti, come musica e film, in tutti i paesi coperti.

Il suo sito web, ancora in versione beta, afferma che i servizi della piattaforma coprono già "nove paesi e regioni come India, Indonesia, Russia e Malesia".

L'obiettivo dichiarato è quello di fornire "servizi one-stop che includano distribuzione di contenuti, supporto allo sviluppo, operazioni di marketing, promozione del marchio e monetizzazione del traffico per gli sviluppatori globali".

Fonti del settore hanno riferito a Reuters che il servizio sarebbe stato inizialmente avviato nel marzo di quest'anno, ma la recente epidemia del nuovo ceppo di coronavirus in Cina potrebbe ritardare i piani.

Gli analisti suggeriscono che la GDSA potrebbe attrarre gli sviluppatori di app perché sarebbe più facile per loro commercializzare i loro prodotti sulla nuova piattaforma che sul già affollato di Google Play.

Resta da vedere come le imprese manterranno un equilibrio di potere nella loro alleanza.

In particolare, il sito Web del prototipo di GDSA non sembra contenere alcuna menzione di Huawei, in contraddizione con il rapporto di Reuters. Xiaomi ha anche negato che Huawei sia coinvolta e che GSA abbia l'obiettivo di agire come concorrente di Google Play. Le altre tre società hanno rifiutato di commentare.

Huawei e Google Play

Huawei potrebbe essere interessata a sviluppare la propria piattaforma dopo che l'amministrazione Trump ha vietato all'azienda di acquistare prodotti e servizi da società americane, citando accuse di spionaggio che Huawei respinge. Ciò significa che, a differenza di Oppo, Vivo e Xiaomi, i nuovi telefoni Huawei non dispongono di app Google come Play Store, YouTube, Google Maps o Google Assistant.

La società ha lavorato sul proprio ecosistema di app per sostituire le app di Google e ha sviluppato il proprio sistema operativo, Harmony OS, per ridurre la dipendenza da Android.

Correlati:

Huawei potrebbe vendere 100mln di smartphone 5G in Cina nel 2020, lo dice Ceo giapponese
I pericoli della modalità dark su smartphone
I migliori smartphone del decennio
Tags:
Smartphone, Cina, Huawei
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook