05:01 31 Marzo 2020
Economia
URL abbreviato
212
Seguici su

Presentati i dati regionali sul Pil italiano del 2018. Il reddito pro-capite di chi vive al Nord è il doppio di chi vive al Sud. L'economia sommersa vale il 12.1% del Pil nazionale.

Resi noti dall’Istat i dati dei conti economici territoriali, con cui l’ente di statistica rileva la ricchezza del Paese nelle varie aree regionali.

Nel 2018 il Pil per abitante più elevato è stato rilevato nel Nord-ovest dell’Italia con 36.200 euro pro-capite (35.700 nel 2017), mentre nel Nord-est si è attestato a 35.100 euro (34.300 nel 2017).

Il Centro Italia si difende con un Pil nominale di 31.600 euro (31.100 nel 2017), male il Sud Italia, dove il Pil per abitante è di 19mila euro (18.700 nel 2017).

Una Italia sezionata in due, a due velocità e che presenta un divario enorme tra Centro-Nord del Paese e il Sud.

Bene le Marche

Sul piano regionale le Marche registrano la crescita del Pil più elevato, con un +3% di incremento sul 2018 rispetto al 2017.

Recupera l’attività produttiva anche in Abruzzo, dove il Pil è cresciuto del +2,2% e bene anche la Provincia Autonoma di Bolzano-Bozen +2%.

Il sommerso rappresenta il 12,1% del Pil

L’Istat la chiama economia non osservata, che in termini comprensibili significa economia sommersa e illegale, essa rappresenta “in Italia il 13,5% del valore aggiunto totale” e la sua “incidenza sul Pil è pari al 12,1%”.

Il Pil a livello nazionale nel 2018

Secondo gli ultimi dati il Pil nazionale nel 2018 è cresciuto dello 0,8% rispetto all’anno precedente. Ma se si guarda alle macroaree regionali, si scopre che il Nord-est è cresciuto del +1,4% grazie alle buone performance nel campo dell’Industria (+3,2%) delle Costruzioni (+2,3%) e dell’Agricoltura (+3,1%).

Correlati:

Istat, aumentano i consumi sotto l'effetto di un maggiore reddito e potere d'acquisto
Occupazione in Italia: per l'Istat a novembre 2019 è record storico
Istat, autunno nero per l'export italiano: a novembre 2019 un calo che non si vedeva dal 2011
Tags:
ISTAT, PIL
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook