08:01 20 Settembre 2020
Economia
URL abbreviato
205
Seguici su

Stenta il meccanismo di inserimento lavorativo per i beneficiari del reddito di cittadinanza: secondo i dati Inps il 70% di loro non ha ancora firmato il patto con i centri per l'impiego.

Fino ad oggi sono circa 29 mila i beneficiari del Reddito di cittadinanza che hanno trovato lavoro, una percentuale che supera di poco il 3,5%, su una platea di circa 815 mila potenziali lavoratori, e di questi solo una quota minima dei neo-occupati ha trovato un contratto lavorativo attraverso le attività dei navigator, dei centri per l’impiego o di Anpal.

Al 18 dicembre, secondo Anpal, tra i beneficiari del sussidio solo 28.700 persone risultavano aver trovato un lavoro, con una stima per un raggiungimento a 30mila occupati per gennaio.

Secondo gli ultimi dati Inps i nuclei destinatari del Reddito di cittadinanza sono pari a 915.600, con 2.370.938 persone: a fronte di questi numeri, a dicembre 2019 sono state individuate circa 791 mila persone avviabili al lavoro, con un aumento a 815 mila a gennaio - questo è il numero di persone che risultano occupabili.

Rispetto a questo gruppo persone potenzialmente occupabili, soltanto il 53% (circa 423 mila persone), a dicembre scorso, era stato convocato per il primo colloquio, e circa il 70% dei beneficiari non è ancora arrivato a stipulare il patto di servizio.

Tags:
INPS
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook