21:47 20 Gennaio 2021
Economia
URL abbreviato
281
Seguici su

Huawei ha affermato che nel 2020 la prima priorità della compagnia sarà quella di sopravvivere alla serie di sanzioni e boicottaggi imposti dai paesi occidentali.

La compagnia di telecomunicazioni cinese sotto assedio Huawei afferma che la "sopravvivenza" è la sua priorità assoluta dopo che l'annuncio delle vendite è stato duramente colpito dal boicottaggio dei paesi occidentali.

Eric Xu, presidente della società, ha dichiarato che le entrate stimate per le vendite raggiungeranno gli 850 miliardi di yuan per il 2019 (121 miliardi di dollari) - circa il 18% in più rispetto all'anno precedente, ma molto più basse di quanto inizialmente previsto.

Nel gennaio di quest'anno, la società, a cui è stato vietato di lavorare con aziende americane per questioni di sicurezza nazionale, ha previsto un fatturato di 125 miliardi di dollari USA.

Nel discorso del nuovo anno indirizzato ai dipendenti, Xu ha affermato che il governo degli Stati Uniti ha organizzato una campagna "strategica a lungo termine" contro la società che avrebbe creato un "ambiente stimolante per la sopravvivenza e la prosperità di Huawei". "La sopravvivenza sarà la nostra prima priorità" nel 2020, ha dichiarato Xu, che detiene la presidenza nell'ambito del sistema di leadership a rotazione della società.

Huawei dovrà "fare di tutto" per costruire il suo ecosistema di servizi mobili, la sua risposta alle app e ai servizi di Google, per "garantire che possiamo continuare a vendere i nostri smartphone nei mercati esteri".

Huawei e il boicottaggio occidentale

Mentre gli esperti di telecomunicazioni considerano Huawei un leader globale nelle apparecchiature 5G in termini sia di tecnologia che di prezzo, la società sta affrontando ostacoli e sospetti da parte degli Stati Uniti e di altre nazioni straniere diffidenti nei confronti del suo stretto rapporto con il governo cinese.

I capi dei servizi segreti statunitensi affermano che Huawei non può essere affidabile e che le sue apparecchiature rappresentano una minaccia alla sicurezza nazionale, un'accusa che la società ha respinto.

Fondata nel 1987 dall'ex ingegnere dell'Esercito di liberazione popolare Ren Zhengfei, Huawei è finita sotto i riflettori un anno fa, quando la figlia di Ren, senior executive dell'azienda Meng Wanzhou, è stata arrestata in Canada su richiesta degli Stati Uniti.

Il boicottaggio contro Huawei è peggiorato dopo l'arresto di Meng.

Washington ha vietato alle aziende statunitensi di vendere apparecchiature a Huawei, bloccando inoltre al gigante degli smartphone l'accesso al sistema operativo Android di Google.

Anche gli operatori europei di telecomunicazioni, tra cui la norvegese Telenor e la svedese Telia, hanno abbandonato Huawei come fornitore delle loro reti 5G mentre le agenzie di intelligence hanno messo in guardia dal lavorare con loro.

L'Australia e il Giappone hanno nel frattempo preso provvedimenti per bloccare o limitare fortemente la partecipazione dell'azienda alle loro implementazioni di reti 5G. All'inizio di questo mese, il governo del Regno Unito ha anche suggerito che la Gran Bretagna seguisse l'esempio.

La legge cinese impone alle persone e alle organizzazioni nazionali di assistere e cooperare con le agenzie di intelligence nazionali.

Correlati:

Huawei valuta di produrre componenti in Europa causa sanzioni USA
Cina minaccia ritorsioni se Germania vieta 5G Huawei
Cina reagirà se la Germania bandirà Huawei per il 5G
Tags:
Huawei, Rete 5G
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook