00:25 24 Gennaio 2020
Economia
URL abbreviato
110
Seguici su

Secondo Codacons, le spese famigliari per festeggiare il Natale potranno subire un calo del 2%. Calcolata una spesa procapite di 167 euro, con un giro d'affari complessivo di 10 miliardi di euro. Tra le cause del calo anche l'anticipata corsa ai regali durante il Black Friday.

I festeggiamenti del Natale 2019 potrebbero risultare meno dispendiosi rispetto allo scorso anno. Secondo i dati raccolti da Codacons, i consumi famigliari potrebbero subire un calo del 2%, con un solo aumento nell'acquisto di alimentari. La stima è di un giro d'affari complessivo di 10 miliardi di euro, con una spesa procapite di 167.

"(Il calo si spiega, ndr) con il generale clima di sfiducia che imperversa tra i cittadini e che porta a contrarre i consumi anche in presenza di prezzi al dettaglio sostanzialmente fermi. Al netto del Black Friday, che ha spinto molti cittadini ad anticipare regali e acquisti in vista del Natale le famiglie taglieranno a dicembre alcuni acquisti tipici delle feste: sotto l’albero ci saranno meno capi di abbigliamento (con una spesa in calo del 5% rispetto al 2018), meno calzature (-7%) e meno gioielli (-3%)", specifica Codacons.

"Sono previste in calo anche la spesa relativa agli addobbi per la casa (-4,5%) e quella per i trattamenti estetici e prodotti di bellezza (-2%). Andrà meglio invece per gli alimentari – settore per il quale gli italiani non sono disposti a rinunce – e per i giocattoli. Per gli alimentari è prevista una crescita del 3% non solo perché le famiglie non faranno mancare sulle tavole alimenti, bevande e dolciumi tipici delle festività, ma anche perché quest’anno si rafforza la tendenza a scegliere come regali di Natale da destinare a parenti e amici proprio prodotti alimentari e cibi tipici del “Made in Italy”. In crescita, infine, risulta anche la spesa per i giocattoli destinati ai bambini, con un incremento del 2,5% sul 2018, e l’hi-tech e l’elettronica (+2%)", conclude Codacons in una nota.

Tags:
Codacons
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik