04:11 05 Agosto 2020
Economia
URL abbreviato
2163
Seguici su

Alla COP25 di Madrid di questi giorni è in discussione la possibilità di introdurre una misura che limiti l'uso dei carboni agli Stati Uniti, uno dei maggiori utilizzatori al mondo.

L'Unione europea e i suoi Paesi membri stanno approntando un piano per andare a colpire il carbone americano, facendo prospettare una nuova escalation nella disputa commerciale transatlantica.

Le intenzioni di Bruxelles sono diventate chiare durante la conferenza sul clima COP25, tenutasi questa settimana a Madrid, dove si è cominciato a discutere su come implementare in maniera efficace gli accordi di Parigi del 2015.

Il ministro dell'Economia e delle Finanze spagnolo, Nadia Calvino Santamaria, in conferenza stampa, ha invocato l'introduzione di una tassa sul carbone da applicarsi "al più presto possibile" su ogni paese che non dovesse adeguarsi alle limitazioni imposte dal trattato, che gli USA hanno già annunciato di voler abbandonare nel 2020.

"Dobbiamo assicurarci che le politiche climatiche non creino un dislivello tra coloro che si muovono all'interno di giurisdizioni che hanno standard più o meno alti", ha dichiarato la politica spagnola.

Il cambiamento nelle regolamentazioni avrebbe una duplice funzione: la prima sarebbe quella di creare o comunque migliorare le condizioni affinché le imprese del Vecchio Continente non scelgano di decentralizzare, spostandosi in Paesi con giurisdizioni meno severe per quanto riguarda la difesa dell'ambiente; la seconda, invece, è quella  porsi come ostacolo nei confronti degli USA, uno dei Paesi con gli indici più alti di emissione di gas serra.

I dazi americani sull'export UE

Nello scorso mese di ottobre gli Stati Uniti d'America, per volere del presidente Donald Trump, hanno introdotto una serie di dazi su $ 7,5 miliardi di prodotti europei in risposta agli aiuti dell'Europa a Airbus, ritenuti illeciti dalla Casa Bianca.

Nella sua istanza alla WTO, Washington aveva chiesto un risarcimento pari a 11,2 miliardi di dollari, ottenendo l'ok per poter colpire una serie di prodotti europei tra cui prodotti tecnologici, prodotti alimentari e beni di lusso.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook