23:07 07 Dicembre 2019

Uomo più ricco d'Europa perde $ 1,5 miliardi per possibili sanzioni USA

© AP Photo / Francois Mori
Economia
URL abbreviato
132
Seguici su

Il miliardario più ricco d'Europa, Bernard Arnault, ha perso una piccola fortuna di $ 1,5 miliardi in un solo giorno. Il suo capitale è diminuito dopo la minaccia del presidente degli Stati Uniti d'introdurre tariffe sui prodotti di lusso francesi.

Arnault è il proprietario della holding LVMH, che produce proprio i prodotti a rischio di sanzioni. Il presidente degli Stati Uniti ha promesso d'imporre tariffe fino al 100% su 2,4 miliardi di dollari di beni francesi come champagne, formaggio e borse.

È una misura di risposta alla decisione della Francia d'introdurre una tassa sui ricavi digitali dei giganti della tecnologia degli Stati Uniti come Google, Facebook e Amazon.

A seguito della dichiarazione di Washington sulle tariffe, le azioni LVMH sono diminuite dell'1,5%, mentre il valore netto di Arnault è sceso a $ 103,7 miliardi, secondo gli ultimi dati di Forbes in tempo reale. La perdita di questi $ 1,5 miliardi sarebbe paragonabile al PIL giornaliero di paesi come Svezia, Belgio o Polonia.

LVMH è uno dei maggiori produttori di champagne al mondo attraverso la cantina Moët & Chandon. Il gruppo produce e vende anche marchi di moda come Bulgari, Christian Dior, Fendi e Marc Jacobs.

Solo una settimana prima, il patrimonio netto di Arnault è aumentato dopo che LVMH ha acquistato la celebre gioielleria Tiffany per $ 16 miliardi.

Secondo la classifica di Forbes tra i miliardari più ricchi del mondo, l'acquisto di Tiffany ha posto brevemente Arnault al secondo posto con un patrimonio netto stimato di $ 107,8 miliardi dietro al fondatore di Microsoft Bill Gates. Ora, Arnault rimane il terzo miliardario più ricco del mondo.

Correlati:

In vendita la villa che il ricco russo Doronin regalò a Naomi Campbell prima che si lasciassero
Negli Stati Uniti (e non solo) mai così alto il divario tra ricchi e poveri
Tags:
Europa, Francia, lusso
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik