03:59 08 Dicembre 2019
Dollari USA

Addio al dollaro? Giappone e Cina si sbarazzano dei Buoni del Tesoro Usa

© Sputnik . Mihail Kutuzov
Economia
URL abbreviato
7481
Seguici su

Negli ultimi anni almeno due Paesi hanno iniziato a ridurre significativamente i loro investimenti nelle attività denominate in dollari, ovvero nel debito pubblico americano: la Russia ha venduto quasi tutti i Buoni del Tesoro, mentre la Cina ha notevolmente ridotto la quota in portafoglio di questi strumenti.

Secondo i dati ufficiali, i due maggiori detentori di titoli del Tesoro USA, il Giappone e la Cina, hanno venduto una parte significativa del debito pubblico americano nel corso degli ultimi mesi.

A seguito di un graduale aumento della quantità di Buoni del Tesoro in suo possesso fino ad agosto 2019, il Giappone aveva conquistato il primo posto nella lista dei detentori stranieri del debito pubblico americano superando la Cina, che a lungo aveva occupato la prima posizione. Ma a settembre Tokyo si è liberata dal portafoglio di 28,9 miliardi di dollari di titoli, per un arrivando a detenere complessivamente 1,174 trilioni di dollari.

​L'ex leader tra i detentori del debito pubblico americano, la Cina, a sua volta ha venduto circa 10 miliardi di bond da giugno 2019. In totale tra settembre 2018 e settembre 2019, Pechino si è sbarazzata di 49 miliardi di Buoni del Tesoro USA durante il conflitto commerciale con Washington attualmente in corso.

Mentre la guerra commerciale potrebbe spiegare la strategia di Pechino, non si spiegano le vendite di Tokyo. Secondo gli economisti, la Federal Reserve ha inviato segnali riducendo i tassi di interesse tre volte da luglio 2019. La Fed ha abbassato il costo del denaro nell'intervallo 1,5-1,75% il 30 ottobre. Gli analisti hanno osservato che la mossa della massima autorità monetaria statunitense ha dotto la redditività dei bond e potrebbe indicare la volontà della Federal Reserve di abbassare ulteriormente i tassi fino a farli diventare negativi.

La Cina e il Giappone non sono gli unici Paesi che hanno venduto di recente titoli del Tesoro USA, dato che la Russia si è di fatto completamente liberata dei suoi investimenti tra il 2018 e il 2019. In precedenza, Mosca deteneva circa 92 miliardi $ di debito americano. Il denaro ricevuto è stato quindi utilizzato per aumentare drasticamente le riserve auree, che hanno fatto diventare la Russia uno dei maggiori acquirenti di oro nel 2018 e nella prima metà del 2019 con la Cina, che sembra seguire la strategia finanziaria russa.

Tags:
Economia, Finanze, dollaro, USA, Cina, Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik