04:43 08 Dicembre 2019
Il presidente statunitense Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping

Guerra commerciale USA-Cina, non c'è accordo su acquisto prodotti agricoli da parte di Pechino

© AP Photo / Andrew Harnik
Economia
URL abbreviato
241
Seguici su

Sembrerebbero essersi nuovamente bloccate le trattative per la normalizzazione dei rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina. Il nodo sarebbe legato all'acquisto di 90 miliardi di prodotti agricoli in due anni da parte di Pechino.

Il possibile, nuovo accordo commerciale tra USA e Cina starebbe vivendo una fase di stallo, stando a quanto riportato dal quotidiano americano Wall Street Journal.

I due governi, che avevano trovato la quadra nelle scorse settimane, sembrerebbero essere ancora ben lontani per quanto riguarda una delle condizioni fortemente volute da Washington per giungere ad un'intesa, ovvero la clausola di acquisto di, rispettivamente, 40 e 50 miliardi di dollari di prodotti agricoli americani per i prossimi due anni da parte di Pechino.

Secondo quanto riportato dal WSJ, la Cina non sarebbe convinta di mettere nero su bianco tali cifre nell'accordo e starebbe temporeggiando, nella speranza di poter trovare una soluzione meno esosa dal punto di vista finanziario.

Il governo comunista, inoltre, non sarebbe totalmente d'accordo sull'introduzione di misure restrittive in materia di trasferimento tecnologico.

L'accordo tra Washington e Pechino

Lo scorso mese il presidente americano Donald Trump ha annunciato che USA e Cina avevano trovato un'intesa di massima per una "fase uno" di disgelo commerciale che mettesse fine alle tensioni economiche cominciate la scorsa estate, quando Washington ha introdotto pesanti dazi nei confronti di Pechino.

Stando alle indiscrezioni trapelate sinora, la Cina, in cambio della rimozione dei dazi americani, si sarebbe impegnata ad acquistare prodotti agricoli made in USA per 40 e 50 miliardi nei prossimi due anni, aprendo contestualmente il proprio settore finanziario alle aziende americane e mettendo in campo delle politiche di protezione delle proprietà intellettuali, altro tema molto caro in America.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik