00:32 16 Novembre 2019
Gasdotto Turkish Stream

"Turkish Stream procede secondo i piani": da Ankara conferme su realizzazione gasdotto

© Foto: turkstream.info
Economia
URL abbreviato
1211
Seguici su

Il ministro dell'Energia e delle Risorse Naturali della Turchia Fatih Dönmez ha commentato lo stato delle relazioni turco-russe e l'attuazione dei grandi progetti energetici congiunti in un'intervista con Sputnik.

Dönmez ha sottolineato che il progetto del gasdotto Turkish Stream, tramite cui il gas russo verrà erogato alla Turchia e all'Europa, viene realizzato secondo i piani concordati.

"Come sapete, il progetto prevede la costruzione di due rami, uno dei quali sarà collegato con la nostra rete energetica nazionale e l'altro raggiungerà i Paesi europei attraverso il territorio della Bulgaria. Prevediamo di completare la costruzione di entrambi i rami entro la fine dell'anno. Attualmente non ci sono difficoltà con l'implementazione del progetto. Rispetteremo tutti i nostri impegni e programmiamo di completare il nostro lavoro entro la fine del 2019", ha affermato.

Parlando dell'importanza del gasdotto Turkish Stream per la Turchia e per l'Europa, Dönmez ha osservato:

"dopo l'apertura del gasdotto, il gas che compravamo in precedenza in Occidente arriverà da noi mediante Turkish Stream. Come sapete, in precedenza in alcuni Paesi di transito, dove passava il gas acquistato in Occidente, sono sorti vari problemi e difficoltà con l'erogazione. In particolare nel territorio ucraino. In questo senso, grazie al Turkish Stream, siamo riusciti ad aumentare il livello di sicurezza degli approvvigionamenti. "Turkish Stream" è diventata la seconda rete dopo "Blue Stream" che arriva direttamente in Turchia senza passare attraverso il territorio di alcun Paese o attraverso le loro acque territoriali. Pertanto, dal punto di vista della sicurezza degli approvvigionamenti, questo progetto è della massima importanza per noi. Il secondo ramo è progettato per agevolare la sicurezza delle forniture nei Paesi europei: la Turchia continua ad essere un partner importante nel garantire la sicurezza degli approvvigionamenti per la Ue.

Un altro progetto è il gasdotto transanatolico (TANAP). Passerà di nuovo attraverso il territorio della Turchia per arrivare fino all'Italia. Questi due grandi progetti indicano che la Turchia di fatto fa parte di un importante processo per garantire forniture di gas stabili e sicure all'Europa. È importante che l'implementazione di questi due importanti progetti sia completata simultaneamente", ha affermato Dönmez.

In conclusione il ministro ha criticato la tesi secondo cui la dipendenza della Turchia dalla Russia nel settore energetico sia accresciuta nell'ambito di una cooperazione rafforzata tra i due Paesi.

"Stiamo lavorando alla diversificazione delle risorse energetiche e delle rotte. Se parliamo degli accordi attuali, allora non si parla nè di aumento nè di calo di dipendenza. C'è stato solo un cambio di rotta. Gli obblighi specificati nei contratti vengono mantenuti. Il Blue Stream continua a funzionare, il volume di gas naturale che riceveremo dal Turkish Stream è stato determinato. A mio avviso le critiche nel merito non sono appropriate. Inoltre abbiamo da tempo instaurato relazioni di fiducia con la Russia. Fino ad oggi le parti non hanno riscontrato un singolo caso di inadempimento degli obblighi reciproci. Oggi l'Europa riceve una discreta quantità di gas naturale dalla Russia. Continuiamo ad interagire, prestando attenzione alla diversificazione di risorse, fonti e percorsi. Non ci sono problemi sulla questione", ha concluso.
Tags:
Turkish Stream, Gas russo, Russia, Mar Nero, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik