23:14 11 Dicembre 2019

Trump allenta la pressione su società cinese Huawei - Nyt

© REUTERS / Dado Ruvic
Economia
URL abbreviato
0 50
Seguici su

Secondo quanto scritto dal New York Times, le aziende americane potranno fornire beni "non sensibili" alla società cinese delle telecomunicazioni.

L'amministrazione Trump sarebbe in procinto di concedere licenze che autorizzeranno alcune aziende americane a vendere prodotti "non sensibili" alla società cinese Huawei, andando così a superare il divieto di vendita imposto la scorsa primavera.

La notizia è riportata dal New York Times, secondo cui il "semaforo verde" è stato dato dallo stesso Trump la settimana scorsa; questa mossa consentirà di alleggerire le tensioni in vista della ripresa dei negoziati commerciali sino-americani, previsti questa settimana.

Lo scorso maggio la Huawei è stata inserita nella blacklist statunitense in materia di commercio, impedendo di fatto alle imprese statunitensi di vendere beni e servizi alla compagnia cinese senza un'apposita licenza, inclusi software di Google.

Giustificando la decisione con questioni di sicurezza nazionale, gli Stati Uniti hanno concesso due proroghe di tre mesi ciascuna, l'ultima delle quali scadrà il 20 novembre. Tuttavia le misure di Washington si sono fatte sentire contro la compagnia cinese, che ha presentato il suo nuovo smartphone top di gamma (il Mate 30) senza le app di Google.

Una minaccia per la sicurezza americana

Nel maggio scorso il governo americano era intervenuto sulla questione, vietando a tutte le aziende del Paese di acquistare prodotti da Huawei e altre società di IT cinesi, finite nella lista nera con un provvedimento che è divenuto operativo dallo scorso 16 agosto.

Lo stesso presidente Trump, in un intervento pubblico, aveva definito Huawei una minaccia alla sicurezza nazionale americana, invitando il Paese ad interrompere ogni tipo di relazione commerciale con la compagnia americana.

Tags:
guerra commerciale, Donald Trump, Huawei, Cina, New York Times, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik