05:23 16 Dicembre 2019
Frankfurt, Germany

Economia Germania: registrata crescita produzione ad agosto

© CC0
Economia
URL abbreviato
121
Seguici su

Dopo tre trimestri in leggero calo la produzione tedesca sembra aver visto una crescita nel mese di agosto.

Le aziende manifatturiere hanno visto una crescita dello 0,3% su base mensile, ha affermato l'autorità federale di statistica Destatis, facendo fronte al declino di giugno e luglio. Lo riporta Bloomberg. 

Ma con l'incertezza dovuta alla guerre commerciali guidate dagli Stati Uniti, la Brexit e il rallentamento dei mercati emergenti è ancora forte e la produzione è ancora del quattro percento inferiore al livello di agosto 2018.

"L'industria rimane in una fase di recessione", ha dichiarato il ministero dell'economia in una nota, poiché "la debolezza della domanda persiste".

Guardando alle diverse aree industriali, sia i produttori di semilavorati che di prodotti finiti hanno visto un incremento della produzione, mentre quella delle aziende di beni di consumo è diminuita.

I segnali di avvertimento hanno alimentato ancora più preoccupazioni per l'economia tedesca se la debolezza si diffonderà dai principali produttori orientati all'esportazione ad altri settori.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dovrebbe decidere il prossimo mese se imporre dazi sulle auto importate dall'Europa.

Non solo la Germania

L'economia tedesca non è l'unica ad essere a rischio. Pochi giorni fa la S&P aveva lanciato l'allarme sulla crescita degli Stati Uniti, a rischio di caduta. Nell'ultimo trimestre, secondo l'agenzia di rating, il rischio recessione negli USA è salito al 30-35%, rispetto al 25-30% calcolato nell'ultimo trimestre.

Nel secondo trimestre di quest'anno, il PIL del Regno Unito è diminuito: è la prima riduzione dal 2012. Si teme che un possibile caos dopo la Brexit potrebbe avere un impatto incalcolabile sull'economia. Lo scenario di un'uscita dall'UE senza un accordo (hard brexit) è sempre più probabile. Gli esperti ritengono che se il Regno Unito dovesse lasciare il blocco europeo senza un accordo la recessione sarà inevitabile.

Ma anche l’Italia non viene risparmiata con una crescita del PIL che è rallentata una stagnazione. Elevata disoccupazione giovanile, elevati livelli d'indebitamento, bassa produttività, economia sommersa pari a 119 miliardi e instabilità politica sono fattori che continuano ad avere un significativo impatto negativo sull'economia italiana.

Correlati:

Governo tedesco si aspetta recessione tecnica
Rischio recessione per cinque delle maggiori economie mondiali
La possibile recessione tedesca influenzerà l’Eurozona?
Tags:
Economisti, Economia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik