22:57 11 Dicembre 2019
Un campo di frumento.

Allarme di Coldiretti, le cimici causano danni per 250 milioni di euro nei campi

© Sputnik . Artem Kreminsky
Economia
URL abbreviato
251
Seguici su

I danni nei campi ammontano a 250 milioni di euro, a causarli la cimice marmorata asiatica, riporta la Coldiretti. Il Presidente Prandini: "Servono risorse finanziarie straordinarie per far fronte ad una vera e propria calamità".

L'invasione di insetti alieni nelle campagne italiane ha causato quest'anno un danno ai raccolti per più di 250 milioni di euro. La causa della presenza di questi insetti è attribuibile ai cambiamenti climatici che hanno fatto emigrare queste specie, con gravissimi effetti sul piano ambientale, paesaggistico ed economico, insieme alla globalizzazione del commercio e ai controlli inadeguati alle frontiere comunitarie.

Le stime sono state pubblicate in un rapporto curato dalla Coldiretti, dal titolo "Sos Clima per l’agricoltura italiana” presentato al Villaggio Contadino di Bologna, la manifestazione annuale che porta il mondo agricolo a contatto con il pubblico e la classe politica.

"Con il cambiamento climatico sotto accusa è il sistema di controllo dell’Unione Europea con frontiere colabrodo che ha lasciato passare materiale vegetale infetto e parassiti vari. Una politica europea troppo permissiva che consente l’ingresso di prodotti agroalimentari e florovivaistici nell’Ue senza che siano applicate le cautele e le quarantene che devono invece superare i prodotti nazionali quando vengono esportati con estenuanti negoziati e dossier che durano anni" - spiega il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini.

​Numerosi, negli anni, sono stati gli insetti che hanno minato a distruggere i raccolti:il batterio della Xylella, la Popillia japonica, Drosophila suzukii, il cinipide galligeno che ha fatto strage di castagni, il punteruolo rosso che ha decimato le palme o il coleottero Aethina.

L'ultima arrivata è la cimice marmorata asiatica, una specie giunta quest'anno, proveniente dalla Cina e ritenuta molto pericolosa poiché prolifica con il deposito delle uova almeno due volte all'anno con 300-400 esemplari alla volta che, con le punture, rovinano i frutti rendendoli inutilizzabili e compromettendo parte del raccolto.

"Per effetto dei cambiamenti climatici e della globalizzazione si moltiplica l’arrivo di materiale vegetale infetto e parassiti vari che provocano stragi nelle coltivazioni e per questo serve un cambio di passo nelle misure di prevenzione e di intervento sia a livello comunitario che nazionale anche con l’avvio di una apposita task force" denuncia il Presidente Prandini.

Il Villaggio "Sto coi Contadini" di Coldiretti si tiene dal 27 al 29 settembre a Bologna, in piazza 8 agosto, parco della Montagnola e piazza XX Settembre.

Sabato 28 settembre è attesa la visita del premier Giuseppe Conte.

Tags:
agricoltura, Coldiretti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik