Widgets Magazine
13:17 13 Novembre 2019
Federal Reserve

Fed taglia i tassi d'interesse per la seconda volta dall'inizio della crisi

© AFP 2019 / BRENDAN SMIALOWSKI
Economia
URL abbreviato
121
Seguici su

La Federal Reserve ha tagliato di un quarto di punto i tassi d'interesse, portandoli dal 2-2,25% al 1,75-2%. Si tratta della seconda misura simile presa in pochi mesi.

A motivare il taglio d'interesse di 25 punti base (dal 2-2,25% al 1,75-2%) la volontà di stimolare le esportaizoni e il commercio statunitensi.

Non è escluso un nuovo intervento, che potrebbe essere previsto entro la fine del 2019, sebbene il comitato monetario sia apparso piuttosto diviso, con tre voti contrari sulla misura presa.

Quella presa dalla Federal Reserve nella giornata di ieri è stata la seconda misura del genere in pochi mesi, dopo l'abbassamento dei tassi del luglio scorso, che li aveva portati dal 2,25-2,50% al 2-2,25%.

Si tratta di una scelta storica da parte dell'istituto monetario americano, considerando che per ritrovare traccia di interventi simili bisogna risalire addirittura al dicembre 2008, ad appena due mesi del crack di Goldman&Sachs e Lemon&Brothers, che sancì l'inizio della crisi finanziaria internazionale.

La reazione di Trump

La decisione della Fed è stata accolta in maniera piuttosto fredda dal presidente USA Donald Trump, che evidentemente si aspettava un'azione più decisa per stimolare l'economica americana.

Secondo Trump il taglio minimo dimostrerebbe una mancanza di "fegato", con lo stesso Tycoon che ha definito un "fallimento" quello dell'istituto monetario, non risparmiando critiche al presidente della Fed Jay Powell, definito "un terribile comunicatore".

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik